Francesca Michielin feat. Fabri Fibra – Monolocale: audio e testo della canzone

0

In Monolocale, quarto ed ultimo anticipo del quarto album in studio della cantautrice veneta, Francesca Michielin duetta con il rapper Fabri Fibra. Il singolo promozionale, è stato rilasciato il 6 marzo 2020 via RCA Records.

A una settimana dalla release del disco battezzato Feat (Stato Di Natura), in uscita il 13 marzo 2020, e dopo Cheyenne feat. Charlie Charles, GANGE ft. Shiva e Riserva Naturale feat. Come Cose, pubblicato sette giorni prima, è il momento di questa gradevole canzone, scritta a quattro mani dagli interpreti e prodotta da Frenetik (Daniele Mungai) & Orang3 (Daniele Dezi).

Il giorno prima dell’uscita, il brano in oggetto è stato presentato in anteprima e in diretta live da Milano su Rai Play, per il terzo ed ultimo dei tre mini-live di Francesca in vista dell’uscita del progetto. La cantante è stata accompagnata sul palco dai Selton, gruppo folk-pop italo-brasiliano, e dall’Orchestra di Piazza Vittorio.

copertina brano monolocale

Francesca Michielin Monolocale testo

downloadDownload su: AmazoniTunes

Uh, uh-uh, uh-uh-uh-uh, uh-uh-uh
Cosa finisce dietro a tutti i pianoforti? Le matite che non vuole più nessuno
Forse ci avresti scritto la canzone per cambiare la tua vita e quella di qualcuno
Ma aspetterò che la tua voce mi arrivi da un piano a voce sentendo il tuo cd
Aspetterò l’ultima traccia, quella in cui mi urli in faccia che sei andato via da qui

Ho visto una tua foto dentro al centro commerciale
Non ti assomigli più
Una volta vivevamo io e te in un monolocale
E adesso dimmi tu
Uh, uh-uh, uh-uh-uh-uh, uh-uh-uh
Uh, uh-uh, uh-uh-uh-uh, uh-uh-uh

[Fabri Fibra]
Ah!
Faccio interviste senza dire che son triste
Non vesto come quelle star famose sulle riviste
La gente crede a tutto, non resiste
È sempre alla ricerca di qualcosa che non esiste (No)
Mi sento male, tu non mi pensare
Anzi pensami, ma non pensare male, di me
Mi manca quel monolocale
L’hotel è grande, non mi riprendo, vienimi a cercare se mi perdo
Se mi perdoni, ma quante incomprensioni
C’è chi mi aspetta fuori (seh), odio questi ascensori
Non chiedo mai favori, i fan fanno paragoni, pressioni a qualunque ora
Dicono: “Corri, pensa ai soldi, il tempo vola”

Ho visto la tua foto dentro al centro commerciale
E non ci riesco più
Una volta vivevamo io e te in un monolocale
E adesso dimmi tu
Vendono un tuo disco dentro al centro commerciale
E non mi guardi più
Fa ridere vedere che ti fai fotografare
Non sembri neanche tu

Uh, uh-uh, uh-uh-uh-uh, uh-uh-uh
Adesso dimmi tu
Uh, uh-uh, uh-uh-uh-uh, uh-uh-uh
Spegni la TV

[INSIEME – Francesca m. (Fibra)]
Spegni la TV, spegni la TV
Non ti basto più, non ti basto più (Spegni la TV)
Spegni la TV, spegni la TV
Non ci bastiamo più, non ci baciamo più (Spegni la TV)
Le cose di una volta io me le ricordo ancora
Le cose di oggi io non ci voglio pensare più
SPEGNI LA TV, (non pensarci più)

Ho visto la tua foto dentro al centro commerciale
E non ci riesco più
Una volta vivevamo io e te in un monolocale
E adesso dimmi tu
Vendono il tuo disco dentro al centro commerciale
E non mi guardi più
Fa ridere vedere che ti fai fotografare
Non sembri neanche tu
Uh, uh-uh, uh-uh-uh-uh, uh-uh-uh
Uh, uh-uh, uh-uh-uh-uh, uh-uh-uh


Ascolta su: