Ana Mena & Deorro – Se Te Olvidó: video ufficiale, testo e traduzione della canzone

0

Disponibile dal 13 novembre 2019 via Sony Music, Se Te Olvidó è un singolo della cantante spagnola Ana Mena con la collaborazione di Deorro, scritto con la collaborazione di Yasmil Marrufo, Mario Cáceres, KingSwifft, Jose Luis de la Peña, Erick Orrosquieta & Antonio Barullo e prodotto da Mario Cáceres, Yasmil Marrufo & Bruno Nicolás Fernández. Il testo, la traduzione e l’audio e il video ufficiale diretto da Pablo H. Smith.

In questa nuova orecchiabile canzone, l’artista spagnola classe 1997, racconta la fine della sua love story, riservando parole tutt’altro che carine nei confronti dell’ormai ex dolce metà, alla quale non le manda di certo a dire. La copertina, con tanto di dito medio, è eloquente.

copertina canzone Se Te Olvidó

Ana Mena Se Te Olvidó testo e traduzione

downloadDownload su: AmazoniTunes

Tú nunca más besarás mi boca
Tú aquí no vuelves a comer
Nunca más me quitarás la ropa
Ni que lo hicieras también

Tú eres un perro callejero
Un ladrón, un embustero
Todo menos caballero
Un pobre diablo con dinero

El que se fue, se fue
Tú no me dejaste, yo a ti te dejé
Y te recordaré que yo contigo no vuelvo otra vez

Se te olvidó, que ya el tren se te pasó
Tú a mi no me tocas más
Lástima es lo que tú me das
Se te olvidó, fuiste tú el que me perdió
Tú a mi no me tocas más
Lástima es lo que tú me das (cabrón)

Y deja ya tu palabreo
Que se te acabó el recreo
Tú no vas a presumir de mi como si fuera un trofeo
No hay más noches de perreo
Ni besitos, ni meneos
Tú la cagaste y por eso te bateo
Te bateo, te bateo
Nada bueno te deseo
Tú la cagaste y por eso te bateo

El que se fue, se fue
Tú no me dejaste, yo a ti te dejé
Y te recordaré que yo contigo no vuelvo otra vez

Se te olvidó, que ya el tren se te pasó
Tú a mi no me tocas más
Lástima es lo que tú me das
Se te olvidó, fuiste tú el que me perdió
Tú a mi no me tocas más
Lástima es lo que tú me das (cabrón)

Ana Mena, Deorro
Con la lírica de Cáceres
Da-da-dabruk
[?] el maestro


Non mi bacerai mai più in bocca
Tu non tornerai a mangiare qui
Non mi toglierai mai più i vestiti
Né te li toglierai tu

Sei un cane randagio
Un ladro, un bugiardo
Tutto tranne che un gentiluomo
Un povero diavolo con i soldi

Quel che è andato, è andato
Non sei stato tu a lasciarmi ma io
E ti ricordo che con te non tornerò un’altra volta

Ti sei dimenticato che il treno è ormai passato
Non mi sfiorerai più
Dispiacere è quello che ricevo da te
Hai dimenticato che sei stato tu a perdermi
Non mi sfiorerai più
Dispiacere è quello che ricevo da te (stron*o)

E smettila con i tuoi discorsetti
Che la ricreazione è finita
Non mi mostrerai più come se fossi un trofeo
Niente più notti di strusciamenti
Né baci, né sesso
Hai rovinato tutto ed è per questo che ti ho tagliato fuori
Ti tagliato fuori, ti tagliato fuori
Non ti auguro nulla di buono
Hai rovinato tutto ed è per questo che ti ho tagliato fuori

Quel che è andato, è andato
Non sei stato tu a lasciarmi ma io
E ti ricordo che con te non tornerò un’altra volta

Ti sei dimenticato che il treno è ormai passato
Non mi sfiorerai più
Dispiacere è quello che ricevo da te
Hai dimenticato che sei stato tu a perdermi
Non mi sfiorerai più
Dispiacere è quello che ricevo da te (stron*o)

Ana Mena, Deorro
Con il testo di Cáceres
Da-da-dabruk
[?] il maestro

Ascolta su: