Ariete – 18 anni: ascolta leggi il testo della nuova contagiosa canzone

0


Da mercoledì 11 novembre 2020 è disponibile su Bomba Dischi / Universal, 18 anni, nuovo interessante singolo della 18enne Arianna Del Giaccio, alias Ariete, scritto a quattro mani con Drast, al secolo Marco De Cesaris, vale a dire una metà degli Psicologi, con i quali duettò in Pillole, fortunato brano pubblicato il precedente 14 maggio.

Ascolta e leggi il testo di questa nuova gradevole canzone, scritta a quattro mani con Drast, che arriva dopo il successo dell’ultima release Venerdì, pubblicata il 16 ottobre 2020.

Chissà quanti diciottenni si immedesimeranno in questo pezzo, già divenuto virale, nel quale Arianna parla un po’ di di come si è alla sua età…

Link Sponsorizzati

Nonostante la giovanissima età, la cantautrice e chitarrista classe 2002 vanta già un EP (Spazio, uscito a maggio 2020) dal quale sono usciti successi come Amianto e la citata Pillole, senza dimenticare brani come Riposa in Pace, inciso insieme allo stesso Drast. Le sei canzoni racchiuse in quel mini progetto, hanno ottenuto milioni di ascolti.

copertina brano 18 anni

18 anni Ariete Testo

downloadDownload su: Amazon – Ascolta su Apple Music


Hai diciott’anni e non sai dove aggrapparti
Non sai con chi parlare
Non sai di cosa farti
Che ci vogliamo fare? (Che ci vogliamo fare?, Che ci vogliamo fare?)
Mi chiedi venerdì (venerdì, venerdì, venerdì)

Ho diciott’anni e non sono come gli altri
Non cerco un’università ma cerco di calmarmi
E che ci posso fare? (E che ci posso fare? Che ci posso fare?)
Forse vivrò così (Forse vivrò così, vivrò così)

Sognavo Amsterdam e le sigarette
I viaggi in strada con gli amici di sempre
Mai nessuno ha preso la patente
Mai nessuno ha più concluso niente
E se passassi di qua non mi dispiacerebbe
Ricordare la scuola e ricordare le feste
Se passassi di qua non mi dispiacerebbe
Fare finta che non sia successo niente

Liceo classico e poi Belle Arti
Scendi con i tuoi amici più grandi
Ma dei tuoi problemi non ne parli
E ho fatto tanti sbagli



Tu invece hai diciott’anni
E non sai relazionarti
Se forse nei locali ed alcolici coi calmanti
Che ci vogliamo fare? (Che ci vogliamo fare?, Che ci vogliamo fare?)
Chiedo agli amici fuori (agli amici fuori, amici fuori)

Ho diciott’anni e non sono come gli altri
Ma quante volte ci hanno provato a cambiarmi
E che ci posso fare? (E che ci posso fare? Che ci posso fare?)
Se non faccio per voi (faccio per voi)

Ci rivedremo da grandi, quando saremo stanchi
Si, ci rivedremo
Ci rivedremo da grandi, da grandi, da grandi
Si, ci rivedremo
Ci rivedremo da grandi, quando saremo stanchi
Si, ci rivedremo
Ci rivedremo da grandi, da grandi, da grandi
Si, ci rivedremo

Ho diciott’anni e non sono come gli altri
E non sai quante volte ci hanno provato a cambiarmi
E che ci posso fare? (E che ci posso fare? Che ci posso fare?)
Se non faccio per voi (faccio per voi, per voi)
Ho diciott’anni e non sono come gli altri
Ma non sai quante volte ci hanno provato a cambiarmi
E che ci posso fare? (E che ci posso fare? Che ci posso fare?)
Se non faccio per voi (faccio per voi)

Ho 18 anni