Geolier – Sorry: audio e testo della nuova canzone

0

Quello che ascoltiamo in Sorry, diciannovesima traccia dell’album Emanuele (Marchio Registrato), è un Geolier innamoratissimo che parla di una relazione che non è tuttavia in piena salute.

Leggi il testo e la traduzione in italiano e ascolta la nuova contagiosa canzone contenuta nella nuova versione del secondo album in studio, disponibile dal 10 luglio 2020.

Al suo interno quattro tracce inedite e il remix di un brano, tutte prodotte dal napoletano Davide Totaro, alias Dat Boi Dee, e naturalmente scritte dal rapper partenopeo, uno di quegli artisti la cui crescita sembra ormai inarrestabile.

copertina album Geolier - Emanuele Marchio Registrato

Testo Sorry di Geolier

downloadDownload su: AmazoniTunes

Nun serve ca te cerche scuse sempe quanno sbaglie

T’arricuorde ‘a primma vota, te mettive assaje scuorno
Pecché nun tenevo niente ‘ncapa, sulamente ‘e bombe
‘Nu vaso, t’hê spugliata e nun ire cchiù accussì gelosa
Me ‘ngrippo ncopp”a cerevella, no ncopp”a ‘na borza
Si è secca o si è carnosa, si è libbera o è gelosa
Ammò, tu me ha chiammà pe’ sempe quanno staje triste e nervosa
Sciuogliete, spuogliete, basta ca te siente bona
Sî identica a ‘na droga e je stongo in overdose
Prummesso ca cagnavo e alla fine ce so’ riuscito
Accuminciammo, stammo luntane, je e te simmo nocive
Chiude ll’uocchie si me vase, appiccia ‘a luce si me vide
N’automobile sportiva a 300 ‘o ssaje a ro arriv

Nun serve ca te cerche scuse sempe quanno sbaglie
Sto zitto, ‘o ssaje nun parl
Sempe quanno stammo je e te ‘int”a stanz
‘Nu rispongo cchiù a telefono però giuro me manch
Giuro ca dimmane scinne ca nun chiagne e nun me chiamm

M’annammoro diece vote ‘o juorno comme ‘na pu**ana
Fanno a gara a chi t’addà spujà pe’ primma, no ideale
Aggio ideato n’atu piano, lieva ‘a mmiezzo ‘sti regal
Jammuncenne a quacche parte, senza iPhone e né denare
‘E vote penzo ca tutt”e cose è juto ‘o verso giusto
Provo gusto a fa tutto chello ca pe’tté nun è giusto
Tutt”e cose a te te puzzano pecché nun te fide cchiù
Però si bravo fusse, forse nun ‘o facesso cchiù
Troppi cullane tengo ‘nganna affianco ‘e persone ca schifo
Scusa mo t’aggia staccà, nun è periodo, ce sentimm
Sî chella ca vulevo sempe già da piccirillo
Però mo so’ crisciuto e nun so’ sempe peccerillo
Ma ‘e che stammo parlanne, ma overo ‘o staje pensanno
Ca stesse quaccheduna assaje cchiù bella ‘e te, te sbaje
Mo parlane tutte quante, mo ce stanne tutte quante
Sî pericolosa quanto bella, ccà sta ‘o sbagghi

Nun serve ca te cerche scuse sempe quanno sbaglie
Sto zitto, ‘o ssaje nun parl
Sempe quanno stammo je e te ‘int”a stanz
‘Nu rispongo cchiù a telefono però giuro me manch
Giuro ca dimmane scinne ca nun chiagne e nun me chiamm


Geolier – La traduzione di Sorry

Non serve che ti cerco sempre scuse quando sbaglio

Ricordi la prima volta, avevi tanta vergogna
Perché non avevo niente in testa, solo le bombe
Un bacio, ti sei spogliata e non eri più così gelosa
Mi fisso sul cervello, non su una borsa
Se è magra o se è carnosa, se è libera o è gelosa
Amore, tu devi chiamarmi per sempre quando sei triste e nervosa
Sciogliti, spogliati, basta che ti senti bene
Sei come una droga ed io sono in overdose
Promisi di cambiare ed alla fine ci sono riuscito
Iniziamo, stammi lontana,io e te siamo nocivi
Chiudi gli occhi se mi baci, accendi la luce se mi vedi
Un’automobile sportiva a 300 lo sai dove arriva

Non serve che ti cerco sempre scuse quando sbaglio
Sto zitto, lo sai non parlo
Sempre quando siamo io e te nella stanza
Non rispondo più a telefono però giuro mi manchi
Giura che domani scendi, non piangi e non mi chiami

Mi innamoro dieci volte al giorno come una pu**ana
Fanno a gara a chi ti spoglia per primo, no ideale
Ho ideato un altro piano, togli di mezzo questi regali
Andiamocene da qualche parte senza iPhone né soldi
A volte penso che tutto sia andato per il verso giusto
Provo gusto a fare tutto quello che per te non è giusto
Tutto ti puzza, perché non ti fidi più
Però se fossi bravo, forse non lo farei più
Troppe collane al collo ingannano su persone che fanno schifo
Scusa ora devo staccare, non è periodo ci sentiamo
Sei quella che ho sempre voluto sin da bambino
Ma ora sono cresciuto e non sono sempre piccolo
Ma di che stiamo parlando, davvero lo stai pensando
Che ci sia qualcuna molto più bella di te, ti sbagli
Ora parlano tutte quante, ora ci sono tutte quante
Sei pericolosa quanto bella, qui c’è lo sbaglio

Ascolta su: