Rocco Hunt – Libertà: audio, testo e traduzione della canzone

0

Leggi il testo e la traduzione in italiano e ascolta Libertà, undicesima traccia dell’album omonimo di Rocco Hunt, disponibile dal 30 agosto 2019.

In questa canzone, scritta dall’interprete e prodotta da salernitano Fabio Musta, al secolo Fabio Orza, il rapper parla appunto di libertà: in un mondo finto, con pochi valori e pieno di cattiveria, siamo si liberi, ma solo apparentemente.

copertina album libertà

Rocco Hunt – Libertà testo e traduzione

downloadDownload su: AmazoniTunes

[Rit.]
E vogl a libertà
Terra ca me parl e libertà
Mo so liber e sta dignità
Nun s’a po accatta nisciun
Se viv megl senza sti pensier
Abbracc’t e criatur quand tuorn a ser
O munn è assai chiù bell rint a chist uocchie innocent
Levatm e caten e gir o munn currenn.

E voglio la libertà
Una terra che mi parli di libertà
Ora sono libero e questa dignità
Non la può comprare nessuno
Si vive meglio senza questi pensieri
Abbraccio i bambini quando torno la sera
Il mondo è molto più bello dentro questi occhi innocenti
Toglietemi le catene e giro il mondo correndo.

So cuntent comm si ess vint a bullett
Senza n’euro rint a sacc e a riduzion e current
Nun tenev manc o suonn e ave nu cunt corrent
A pizzerì mannav o cunt ma ij già stev currenn
O professor me ricett: “Tu riest miezz a na via”
O rispunniett: “Stai tranquill, vac in pension primm ij”
Chella stronz me lasciai, ce rimaniett mal
E si te ric cu chi sta rir pe na settiman
E vafammocc a chi parl senza sapè
Tu m’augur e ij a l’infern
Ma si vac a l’infern scinn cu me
Ij sto cercann e migliorà me stess
Perciò nun crer a sti prumess e chi a ‘ntrasatt me futtess
A me m’accir st’incertezz, troppi vot pens assai
A cap viagg se fa film ca po nun so asciut mai
Ma pe fortun sta man ca scorr ngopp a stu fogl
Me ra a forz ro mar ca sbatt ngopp a sti scogl
Nu futur divers rest ‘tt chell che vogl
Vogl ca figlm a trent’ann pens: “Paptm è n’omm”
So divers ra vuij ca v’attiggiat a tronist
Mill femmn attuorn ma arint si sul e trist.

Sono contento come se avessi vinto con la schedina
Senza un euro in tasca e la riduzione di corrente
Non sognavo neanche di avere un conto corrente
La pizzeria mandava il conto ma io stavo già correndo
Il professore mi disse: “Tu resti in mezzo alla strada”
Gli risposi: “Stai tranquillo, vado in pensione prima io”
Quella stronza mi lasciò, ci rimasi male
E se ti dico con chi sta ridi per una settimana
E vaffan*ulo a chi parla senza sapere
Tu mi auguri di andare all’inferno
Ma se vado all’inferno ci vai con me
Io sto cercando di migliorare me stesso
Perciò non credo alle promesse di chi mi fregherebbe all’improvviso
A me quest’incertezza mi uccide, penso molto troppe volte
La testa viaggia e si fa film che poi non sono mai usciti
Ma per fortuna questa mano che scrive su questo foglio
Mi dà la forza del mare che sbatte su questi scogli
Un futuro diverso resta tutto quel che voglio
Voglio che mio figlio a trent’anni pensi: “Mio padre è un uomo”
Sono diverso da voi che vi atteggiate da tronisti
Mille femmine intorno ma dentro siete soli e tristi.

[Rit.]
E vogl a libertà
Terra ca me parl e libertà
Mo so liber e sta dignità
Nun s’a po accatta nisciun
Se viv megl senza sti pensier
Abbracc’t e criatur quand tuorn a ser
O munn è assai chiù bell rint a chist uocchie innocent
Levatm e caten e gir o munn currenn.

Tu chest a chiamm libertà, in realtà simm prototip
Schiav legalizzat, stereotip nguoll e popol
E nuij ce stamm mentr sti nfam manovrn
Stut a television nun vogl sentì chiu monolog
E dong fuoc a stu beat, nun me rong pe vint
Anna capì ca nuij nun simm pecr rint o recint
Fabio Musta campion e suon nta l’MPC
Vincimm a copp re campion tra lampion e panchin
E nun me serv a cullan, machin ross e denar
So crisciut orgoglios cu pochi cos essenzial
Perciò nun vogl ostentà pe me è question e rispett
Pur si c’agg fatt teng e cumpagn int a merd
Si fann a me president ress a fatic a ‘tt quant
Pe seconda cos o sai legalizzass sta piant
Tien ‘tt sti strunzat, RH mo è cult
Vol nsiem e gabbian pe me a libertà è tutt.

Tu questa la chiami libertà, in realtà siamo prototipi
Schiavi legalizzati, stereotipi addosso ai popoli
E noi ci siamo mentre questi infami manovrano
Spengo la televisione, non voglio sentire più monologhi
E do fuoco a questo beat, non mi do per vinto
Devono capire che noi non vogliamo stare dentro al recinto
Fabio Musta campiona e suona nell’MPC
(Nota: Musta campiona e produce la base utilizzando un MPC dell’Akai.)
Vinciamo la Coppa del Re, campioni tra lampioni e panchine
E non mi serve la collana, macchina rossa e soldi
Sono cresciuto orgogliosamente con poche ed essenziali cose
quindi non voglio ostentar nulla, per me è questione di rispetto
Anche se ho fatto quello che ho fatto, ho gli amici nella mer*a
Se fanno presidente a me, faccio faticare tutti quanti
Per seconda cosa lo sai che legalizzerei questa pianta
Hai tutte queste stron*ate, RH ora è cult
Volo insieme ai gabbiani, per me la libertà è tutto.

[Rit.]
E vogl a libertà
Terra ca me parl e libertà
Mo so liber e sta dignità
Nun s’a po accatta nisciun
Se viv megl senza sti pensier
Abbracc’t e criatur quand tuorn a ser
O munn è assai chiù bell rint a chist uocchie innocent
Levatm e caten e gir o munn currenn.

Nun val a pen e pensà a quantu mal ce sta
Mo vogl sul sta buon senz e preoccupazion ca sta vit te rà
Ascimm assiem staser, ij so chiù doce si bev
Si bell pcchè si over rint a nu munn che è fint e a gent nun s’apparten.

Non vale la pena pensare a quanto male c’è
Ora voglio solo stare bene senza le preoccupazioni che questa vita ti dà
Usciamo insieme stasera, io sono più dolce se bevo
Sei bella perché sei vera in un mondo che è finto e la gente non si appartiene.

[Rit.]
E vogl a libertà
Terra ca me parl e libertà
Mo so liber e sta dignità
Nun s’a po accatta nisciun
Se viv megl senza sti pensier
Abbracc’t e criatur quand tuorn a ser
O munn è assai chiù bell rint a chist uocchie innocent
Levatm e caten e gir o munn currenn.


Ascolta su: