Ntò – Salut feat. Speranza: audio e testo del nuovo singolo

0

Rilasciato il 1° novembre 2019 via Epic, Salut è un singolo del napoletano Antonio Riccardi, in arte Ntò, interamente in dialetto napoletano e con la collaborazione del collega casertano Ugo Scicolone, aka Speranza.

Il testo, la traduzione in italiano e l’audio della nuova canzone, prodotta da Antonio Visciano, artisticamente conosciuto come Dj Klonh.

copertina canzone salut

Ntò – Salut testo e traduzione

downloadDownload su: iTunes

[Introduzione: Ntò]
(Fratm
Port ati doj Dom Pérignon
O moment’ è important
La musica dirige il clown
Speranza)

[Rit.: Ntò & (Speranza)]
Brindamm ‘a salut’ e chi nu ng salut’
Vevimm e c’ scurdamm, fratè, salut’
Case enorm’, o cinm rind e salon’ (salut’)
P’ cient’ ann’ ‘sti sord, fratè, salut’ (salut’)
Ra Casert’ a Napl, fratè, salut’ (salut’)
E chi e nuj sta chius’ e chi nu’ ng sta chiù (salut’)
N’ vers’ ‘nu poc nderr pe’ uagliun (salut’)
Stamm ind o local, è megl che salut’

[1a Strofa: Ntò]
Chest è a robba nfam, è l’unica che sacc
L’aggia fatt spazij miezz e piazz e spaccij
Primm e vre sul tatuagg’ nfacc
Primm ca’ ‘sta gent ricev: “No saccij”
Miezz a chisti pazz’, man e 22
… primm ca’ uagliona toj
Po’ ‘na nott’ o sunator
Teng ‘a visual’ chiù complet’, ij so ‘na torr
Complet’ Dior
Nguoll a ess, nguoll a me, diamant e or
Candelin’ part’n a rind a Camboose
Camerier’ attuorn che cammis mbus
Cannabis, e nomm ra gang, piezz ngann appis
… p’ c’ fa capì
Giacca a loro pian, nu’ m’ può cupià
Stunat’ comm e rubin’ e l’oro bianc’
T’è fatt ruj ann, n’er ‘na rapin’
P’ me e social nun l’erna arapì

[Rit.: Ntò & (Speranza)]
Brindamm ‘a salut’ e chi nu ng salut’ (salut’)
Vevimm e c’ scurdamm, fratè, salut’ (salut’)
Case enorm’, o cinm rind e salon’ (salut’)
P’ cient’ ann’ ‘sti sord, fratè, salut’ (salut’)
Ra Casert’ a Napl, fratè, salut’ (salut’)
E chi e nuj sta chius’ e chi nu’ ng sta chiù (salut’)
N’ vers’ ‘nu poc nderr pe’ uagliun (salut’)
Stamm ind o local, è megl che salut’

[2a Strofa: Speranza]
N’agg passat’ e peggij, meglij mai capitat
Mo’ vieni a dettà legg, finisc decapitat
Burdell’ nde capital’
Parln co’ capitan’
Margin’ e illegalità
Ndò carcer, mentalità
E pur o can è nfam sij o padron è doganier’
‘A fam’ m’ precede, specialmente ndo paese
Ij song’ o furastier ca’ t’arrobb a fatic’
Sit’ ‘na mass e fraced, vir comm o dic’
Vest’ ancor’ parallel’, fann rap p’ l’asil’
Intellettiv’ par’ a zero, n’ veng’ re palazzin’
Tu m’ parl a c’epp r’evr e arragion’ e muoij a terr’
E sord nu’ ten’n e pier ma però ten’n e scell’
T’ si fatt a cascett’
Et crois-moi personne m’achète
Moi j’te coupe à la machette
J’te revends produit Kasher
Chi nun ma crerrut, pur e stat’ sincer’
A taglia ngopp a machin, p’ coser ra’ Singer
(Spall’ a sott’, spall’ a sott’)

[Rit.: Ntò & (Speranza)]
Brindamm ‘a salut’ e chi nu ng salut’ (salut’)
Vevimm e c’ scurdamm, fratè, salut’ (salut’)
Case enorm’, o cinm rind e salon’ (salut’)
P’ cient’ ann’ ‘sti sord, fratè, salut’ (salut’)
Ra Casert’ a Napl, fratè, salut’ (salut’)
E chi e nuj sta chius’ e chi nu’ ng sta chiù (salut’)
N’ vers’ ‘nu poc nderr pe’ uagliun (salut’)
Stamm ind o local, è megl che salut’ (salut’)


Fratello
Porta altri due Dom Pérignon
Il momento è importante
La musica dirige il clown
Speranza

[Rit]
Brindiamo alla salute di chi non ci saluta
Beviamo e dimentichiamo, fratello, saluta
Case enormi, il cinema nel salone
Per cento anni questi soldi, fratello, saluta
Da Caserta a Napoli, fratello, saluta
A chi di noi sta in galera e chi non ci sta più
Ne verso un poco a terra per i ragazzi
Stiamo dentro al locale, è meglio che saluti

Questa è la roba infame, è l’unica che so
Le ho fatto spazio in mezzo alle piazze di spaccio
Prima di vedere solo tatuaggi in faccia
Prima che questa gente diceva: “Non lo conosco”
In mezzo a questi pazzi, in mano le 22
… prima con la tua ragazza
Poi una notte il suonatore
Ho la visuale più completa, io sono una torre
Completo Dior
Addosso a lei, addosso a me, diamanti e oro
Candeline partono dentro la Camboose
Camerieri attorno con le camicie bagnate
Cannabis, il nome della gang, pezzi al collo appesi
… per farci capire
Giacca a loro piano, non mi puoi copiare
Stona come i rubini e l’oro bianco
Ti sei fatto due anni, non era una rapina
Per me i social non dovevano aprirli

[Rit]

Ne ho passate di peggio, meglio mai capitato
Ora vieni a dettare legge, finisci decapitato
Bordello nelle capitali
Parlano col capitano
Margine e illegalità
In carcere, mentalità
E pure il cane è infame se il padrone è doganiere
La fama mi precede, specialmente nel paese
Io sono il forestiere che ti ruba il lavoro
Siete una massa di marci, vedi come lo dico
Vesto ancora parallelo, fanno rap per l’asilo
Intellettivo pari a zero, non vengo dalle palazzine
Tu mi parli a ceppo d’erba e ragiono e muoio a terra
I soldi non hanno i piedi, ma hanno le ali
Ti sei fatto la cascetta
E fidati di me, nessuno mi compra
Sto tagliando con un machete
Sto vendendo il prodotto Kasher
Chi non mi ha creduto, pure è stato sincerato
La taglia sulla macchina, per cucire da Singer
(Spalle sotto, spalle sotto)

[Rit]

Ascolta su: