Night Skinny – Mattoni feat. Noyz Narcos, Shiva, Speranza, Guè Pequeno, Achille Lauro, Geôlier, Lazza, Ernia, Side Baby & Taxi B: audio, testo e traduzione della canzone

0

Il testo, la traduzione in italiano e l’audio della title track dell’album Mattoni di Night Skinny, con voci di Noyz Narcos, Shiva, Speranza, Guè Pequeno, Achille Lauro, Geôlier, Lazza, Ernia, Side Baby & Taxi B.

Nella produzione, traccia conclusiva dell’atteso disco del produttore di Termoli, i dieci rapper si alternano in altrettante strofe, alcune delle quali caratterizzate anche da parole in dialetto campano e francese. Insomma, questa canzone, della durata di quasi 6 minuti e 30, è un vero “mattone”, ma è anche una delle più contagiose e interessanti tracks di questo lavoro di Luca Pace.

copertina canzone mattoni

Night Skinny – Mattoni testo e traduzione

downloadDownload su: AmazoniTunes

[Noyz Narcos]
Ti mangio vivo come n’aragosta
Senza lime, raw shit
La mia mer*a Berghain, 360 flip, in switch stance
Teflon, Goretex, chili mexican, flex in zona
Sulla mappa c’ho piazzato Roma
Necessiti ‘sta roba, aspetti come al SerT
I pusher di ‘sto rap, in jeans e black t-shirt, qui non finisce
Young Martin Sheen, bolli col tuo teschio vuoto
Sniff the 8 ball, tutti rockano il mio logo
La mia è una lega di metallo più spesso, non la pieghi te
Desert Eagle vere, conto repliche
Luci dei lampioni spente sulla via
Non chiederti che può succede’
Penso dietro ai vetri di questo Mercedes.

[Strofa 2: Shiva]
Dove la trap finisce iniziano i nostri nomi
La mia casa resiste perché è fatta in mattoni (mattoni)
La fortuna dei ricchi è la disgrazia dei poveri (dei poveri)
Non bastan le briciole nelle sabbie mobili, ok (brr)
Skinny, ho fatto un brutto sogno
Mi sono svegliato in una cappottabile (uaon-uaon)
Fumo messo nelle palle, fra’
Nei soldi facili niente di facile (bang-bang)
Non ho amici che mi parlano come si parla a quelli famosi, ah
Sai che resto Santana, ah, senza azione e bandana, ok
Giovane flow nella money way
Mentre gli altri vanno a rallenty
Ho faticato per averli, frate’ faticherò il doppio per non perderli (uoh)
In periferia mi hanno fatto santo (damn)
Solo a scuola andavo impreparato (scuola)
Milano sembra Chicago
Ma le tue pistole non han mai sparato.

[Strofa 3: Speranza]
Mai nisciun m’ha aiutat te permitt pur e’ giudicà?
Brillo come l’oro del Papa
Dopo la fumata bianca perderò la calma (pa, pa, pa)
Ne veng d’o paes d’a ribellione e vuje m parlat e rivoluzion
I so nu mostr a reppa per esempj e e s-so pur b-balbuzient
C’est toujours la même souvent les plus proches qui veulent te la mettre
Dur de l’admettre j’dors que d’un oeil, je fais ma valise et me barre a Hammamet
Renvoie la pareil
T rong nu vas n’t rong na lir
Fratell in galer o postin esc pazz
Sto abbasc o palazz nt sient all’altezza ma lievt a nand’ o cazz
Pistola carica, succede il panico il sangue vulcanico, onore balcanico
Qua il caso è critico, sto nella cronaca mentre tranquillo fai musica cronica
Esco dall’alcol entro nella storia
In Italia ho portato la moda
La prova, ho vestito la scena in Givova
Spall a sott

Non mi ha mai aiutato nessuno e ti permetti pure di giudicare?
Brillo come l’oro del Papa
Dopo la fumata bianca perderò la calma (pa pa pa)
Vengo dal paese della ribellione e voi mi parlate di rivoluzione
Io sono un mostro a rappare per esempio e soono pure balbuziente
Va sempre così, spesso quelli più vicini vogliono in*ulartela
Difficile ammettere che dormo con un solo occhio, faccio le valigie e me ne vado ad Hammamet
Ritorno il solito
Ti do un bacio, non ti do una lira
Fratell in galera il postino esce pazzo
Sono giù al palazzo, non ti senti all’altezza ma levati di torno
Pistola carica, succede il panico il sangue vulcanico il mare balcanico
Qua il caso è critico sto nella cronaca mentre tranquillo fai musica cronica
Esco dall’alcol entro nella storia
In Italia ho portato la moda
La prova ho vestito la scena in Givova
Spall a sott
[Nota: processioni con la Madonna portata in spalla dai paesani, da qui il detto “Spall’ a sott”.]

[Guè Pequeno]
G-U-E
Yeah, non posso dirti certo con chi ero (ma va?)
Non parlo di tattoo, ma ‘sta tipa ha una serpe in seno (damn)
Se il marito mi scopre lo accoppo come Maniero (pa-pa-pa)
Bevo qualcosa di forte a Francoforte sul Meno
Parli di me come Ozzy (what?), se stai vicino a Cosi’
Puoi diventare ricco, fra’, solo per osmosi (ahahah)
‘Sti pagliacci di oggi mandano solo emoji
Sono tutti famosi, sono tutti mafiosi (seh)
Diffido da una tro*a che fuma sighe sottili (seh)
E da un uomo che porta i pantaloni coi risvoltini
La tua tipa l’ha preso come un cono gelato
Era figa, ma fredda, frate’, me l’ha congelato.

[Achille Lauro]
Pizza Margheri’ (si, si) (Pizza Marghe’)
Bacio in bocca mio cugi’ (Bacio in bocca mio cugi’) (yeah)
Questo è un film (Questo è un film), yeah
Frate’, amore mi’ (Frate’, amore mi’)
Pizza Margheri’ (si, si)
Bacio in bocca mio cugi’ (Bacio in bocca mio cugi’) (yeah)
Questo è un film (Questo è un film), yeah
Pizza Margheri’ (Pizza Marghe’), yeah, yeah

[Geolier]
Frnesc p primm e nemmanc o sapit
Ma ioc co king pcche’ so ‘o sceicc
Stu scem c parl nemmanc o capimm
Mo fum tutt evr e nui nno sntimm
Vir’t e mpart l hip-hop
Sacc o futur ca nemmanc e Simpson
E sord ‘a pedan iucav ra bimbo
L’italij o saij ca m fa nu pompi*o
Sfong semp e tu m uard aropp
O facc semp megl e po m mett acopp
Tu ca parl e parl, veng loc basc e po c vo na bust chin e daparox
Facc abus che sciem Gheddafi
Stamm che rass no capi re capi
Chiam’m rico nun m piac papi
Ess vo nu gramm i vogl nu grammy
Chistu scem sta vit sa sonn
‘Sta uaglion po s ncripp e s ncoll
Si è rummann o saij ca simm cyborg
M fum e pnsier appicciat nto bong
‘Sta uaglion a stu scem o fa e corn
M uardn stuort sti sciem nu ponn
Sto cu Skinny al volant saglimm cchiu ngopp
Ra Napl o è Geolier o è camorr

Finisco per primo e nemmeno lo sapete
Me la gioco coi king perché sono lo sceicco
Questo scemo parla e nemmeno lo capiamo
Ora fumo tutta erba e nemmeno lo sentiamo
Guarda e impara l’hiphop
Conosco il futuro che neanche i Simpson
I soldi [?] giocavo da bimbo
L’Italia lo sa che mi fa un pom*ino
Sfondo sempre e tu dopo mi guardi
Lo faccio sempre meglio e poi mi metto più su
Tu che parli e parli, vengo laggiù e poi ci vuole una bustina piena di daparox
Faccio abusi con gli scemi, Gheddafi
Stiamo coi ras, no capo dei capi
Chiamami ricco, non mi piace papi
Lei vuole un grammo, io voglio un Grammy
Questo scemo questa vita se la sogna
Questa ragazza poi entra in fissa e s’incolla
[?] lo sai siamo cyborg
Mi fumo i pensieri accesi nel bong
Questa ragazza a sto scemo gli mette le corna
Mi guardano storto, questi scemi non possono
Sto con Skinny al volante saliamo più su
Da Napoli o è Geolier o è camorra

[Lazza]
Mamma, ho perso l’aereo, Kevin su un jet privato
Zzala è per sempre come Mery, denim firmato
Mezzi artisti non fanno storie, se fanno storie, non c’è la trama
Li odio io e pure chi copia come i cinesi e Dolce & Gabbana (ahahah)
Metà del rap italiano mi strofina il ca**o (strofina il ca**o)
Come se uscisse il mio genio da un momento all’altro (da un momento all’altro)
Sembra la solita storia, sì, però al contrario (però al contrario)
Perché il loro desiderio è tenermelo in mano, sei un bel flop
Zzala dà fastidio come un black block (ehi)
Ho già la tua faccia nel mio Death Note (ehi)
E una cassa dritta nella testa come Ben Klock
Yah-yah, ho una bad bitch nel letto, sembra Twister
Con il mio uccello (ah) sul petto come la maglia dei Dipset, ah

[Ernia]
Non pronuncia la C bene, questa fake etrusca
Vuole integrare, sì, ‘sto ca**o, integrale pure la crusca
Faccio un programma in tele’, lo chiamo “La stron*a è giusta”
Erotomane ricco e milanese, sembro il Berlusca (pa-pa-pa-pa-pa-pa-pa-pa)
Dormo dentro un castello di soldi, un gioco, un rebus
Diciamo che ho solo creato il mio locus amoenus
Un uomo per un giorno può esser Dio, spinger forte
Oggi è il giorno mio, non è ancora la mezzanotte
Sai che io le chiamo tutte Vale, così non mi devo ricordare
Sai che sono il duca di Milano, il compleanno è festa patronale
Fra’, giro una serie su me stesso, che possa essere d’esempio per i raga’
Ci metto il mio ego gigantesco, infatti la chiamo “Il premier Papa” (è ok)

[Side Baby]
Sto ancora in strada e non mi sposto
Ho visto cambiare il meteo, può nevicare ad agosto
Ho scoperto che ogni cosa ha un costo
Per la giusta cifra ti fanno saltare la testa dal collo
Vuoi vedere come vivo? Scoprirai come muoio
Quando mi metto a letto penso ai soldi, quindi non dormo
Patto col diavolo, mi dà tutto quello che voglio
Ma mi fa camminare formiche nell’occhio
So che un sacco di persone mi detestano
Angeli mi proteggono, demoni mi rispettano
E se mi stai cercando, sai già dove sono
Non mi nascondo, sono in giro da solo.

[Taxi B]
Tu-tu-tu, va-va-va-va-va (va!)
Non più rapina, chiama un Taxi, magari, ah
Ognuno ne vuole ×7 come quelle dei cani
Chili sulle mani (tu-tu-tu) per l’ansia che mi dà la life
No, ho 3 g, sì, per l’ansia chiedi a mamma che mi osserva (ehi)
Fino a ieri che vita di mer*a
Fa–fa–faccio “bang, bang” sulla testa di una guardia (tu-tu-tu-tu)
Sud Italia, cresciuti tra pane e mala (gang-gang-gang)
Chiedi a Skinny: “Chi è Taxi?” (ehi), fot*uto Matrix (Matrix)
Sono arrivato a vent’anni, dammi altri vent’anni
Chiedi a Skinny: “Chi è Taxi?” (ehi), fot*uto Matrix (Matrix)
Sono arrivato a vent’anni, dammi altri vent’anni.


Ascolta su: