Mara Sattei – Nuova Registrazione 527: audio e testo del singolo

0

Nuova Registrazione 527 è un singolo di Mara Sattei, terzo capitolo della saga ancora una volta prodotto dal fratello tha Supreme, disponibile ovunque da venerdì 28 febbraio 2020. Il testo e l’audio del brano.

Dopo Nuova Registrazione 326 e Nuova Registrazione 402, la rapper classe 1995 torna alla ribalta con questa virale canzone, scritta insieme al fratello, con il quale ha recentemente inciso M12ano, dodicesima traccia del fortunato album 23 6451 di quel genio di Davide, ormai divenuto una star grazie alle sue straordinarie capacità di scrittura, interpretazione e produzione.

La sorella si sta ancora facendo strada ma a parer mio ha intrapreso la retta via, grazie allo stile un po’ simile a quello vincente e coinvolgente di Davide. Forse non molti di voi sanno che la rapper ha preso parte ad Amici 13, quella vinta da Deborah Iurato per intenderci, venendo eliminata al termine della seconda puntata. Dopo quell’esperienza rilasciò l’EP Frammenti: Acoustic Covers N.1. Il brano in oggetto è in totale il suo quarto singolo e arriva dopo “Mama Oh” (2017) e i citati precedenti due capitoli di Nuova Registrazione, che hanno avuto un ottimo riscontro in termini di ascolti.

copertina canzone Nuova Registrazione 527

Mara Sattei Nuova Registrazione 527 testo

downloadDownload su: AmazoniTunes

Tha Supreme

Fiori di carta nei vasi
Sorrisi stampati sopra una postcard
E giacche di seta appoggiate
Sulle lancette del tempo che passa
Ma restiamo soli a cercare
L’alba riflessa, son fuori di testa
Per quello che a te può importare
Lasciami, lasciami, lasciami stare con me

A stare ferma, come un fermacarte sopra un’agenda
Ma chi frena e parte, prima rallenta
Poi la pioggia batte, io scalo in terza
La luce accecante, su una discesa
Lui la prende male, io scrivo a penna
La mia vita a volte vuole stupirmi
Tipo gare in moto quando si impenna
Ehi, ehi, ehi
Trema per terra, ma è un terremoto
Con la vernice su un cielo grigio
Sì, le volte che ho perso per stare a fuoco
Su cose che avessi perso, avrei vinto
Ma no, poi siamo appesi come l’ignoto
Si, sopra le ciglia mi sdraio e cullo
Poi riflesse negli occhi come una foto
E chiudo per restare sola al buio

[Ritornello]
Fiori di carta nei vasi
Sorrisi stampati sopra una postcard
E giacche di seta appoggiate
Sulle lancette del tempo che passa
Ma restiamo soli a cercare
L’alba riflessa, son fuori di testa
Per quello che a te può importare
Lasciami, lasciami, lasciami stare con me

[Strofa 2]
Chiudo a chiave e poi stringo
Denti d’oro, poi in tinta, brillo
Pietre sopra ad un dito
Gelo quale sei, cerco i sogni miei
Mento ma poi sono in un tilt, no
Penso troppo, è solo un appiglio
E spillo il cuore poi non mi ci impiglio e strillo
Spari e sirene nel chiasso di qualche frame
Ma guardassi, oltre a ciò che ho visto
Guardassi, anche se poi è un abisso
Sto tra i fili appesi, corre il rischio
Non mi fisso, stesso disco
I riflessi, presi da una scia
Li inseguo anche se vanno via
E mi chiedi dov’è casa mia
Fuori lista, lo capisco

Fiori di carta nei vasi
Sorrisi stampati sopra una postcard
E giacche di seta appoggiate
Sulle lancette del tempo che passa
Ma restiamo soli a cercare
L’alba riflessa, son fuori di testa
Per quello che a te può importare
Lasciami, lasciami, lasciami stare con me

[Outro]
Fiori di carta nei vasi
Sorrisi stampati sopra una postcard
E giacche di seta appoggiate
Sulle lancette del tempo che passa
Ma restiamo soli a cercare
L’alba riflessa, son fuori di testa
Per quello che a te può importare
Lasciami, lasciami, lasciami stare con me


Ascolta su: