Geôlier – Narcos: audio e testo del nuovo singolo

1

Narcos è un singolo del rapper campano Emanuele Palumbo, in arte Geôlier, rilasciato il 12 luglio 2019 via Island Records / Universal Music Italia: leggi il testo scritto di suo pugno e ascolta questo brano prodotto dal napoletano Dat Boi Dee, al secolo Davide Totaro.

Potrebbe interessarti anche: Narcos Remix ft. Lazza.

Come “Como Te”, “Secondin” e “Mexico”, anche questa canzone sarà inclusa nel debut album ancora senza titolo e release date.

C’è da aggiungere che la canzone doveva essere rilasciata il 12 luglio su Spotify e tre giorni più tardi su Youtube, ma come spesso accade, è finita illegalmente online in anticipo.

copertina canzone narcos

Geolier Narcos testo e traduzione

downloadDownload su: AmazoniTunes

Yeh
Dat Boi Dee, vamos al banco
Và fancell fà a ess và
Dat Boi Dee, vamos pa la banca

Chesta sera bev tropp mentr pens a diman
N’to cassett teng a glock, affianc ‘o cont bancario
Me ne vac assai luntan, aro nun pigl ‘o 3G
Cu na tipa ca me spoglia, senza manc usà e man

Stasera bevo troppo mentre penso a domani
Nel cassetto ho una pistola, accanto al conto bancario
Me ne vado molto lontano, dove il 3G non prende
Con una tipa che mi spoglia senza nemmeno usare le mani.

Vamos a la playa
Con la plata nella Gucci
Me dice que soy bueno
Mentre lev ‘a cinta Gucci
Trappo comm ‘a Genny
Mentr accir ‘a nu cristian
Ogni piezz mi è na hit, già ra Napl a Milan

Andiamo in spiaggia
Con i soldi nella Gucci
Mi dice che sto bene
Mentre tolgo la cintura Gucci
Trappo come Genny
Mentre uccide ad una persona
Ogni mia canzone è una hit, già da Napoli a Milano.

Teng e call ‘ngopp e dete pe tutt e sord che cont
Ramm ‘o nummer e te chiamm quann chill s’addorm
Speng tropp, a ca a dieci ann fors me mor e famm
Chest me mann a posizione to giur nun sacc ‘o nomm
Teng nu frat criminal e n’at figl e nu boss
Je so intoccabile a Secondiglian comm e Narcos
Me pigl a nnammurat e chistu scem e vvà in depression
No tocc manc e parl sul
Tremm e po se fa ross
Vestut bianco ca ciabatta, co sigaro Cuban
N’agg vist mai e cartun, sul Lucky Luciano
Teng a nu frat ten ‘o frat sta buon a Colombian
E n’atu frat ten ‘o pat ca nun se cont e reat

Ho i calli sulle dita per tutti i soldi che conto
Dammi il numero e ti chiamo quando quello si addormenta
Spendo troppo, da qua a dieci anni forse muoio di fame
Questa mi manda la posizione ti giuro non so il suo nome
Ho un fratello criminale e un altro figlio di un boss
Io sono intoccabile a Secondigliano come Narcos
Mi prendo la fidanzata di questo scemo e va in depressione
Non lo tocco nemmeno e parla solo
Trema e poi si fa rossa
Vestito bianco con la ciabatta, con il sigaro cubano
Non ho mai visto i cartoni, solo Lucky Luciano
Ho un fratello, ha il fratello che sta buono a Colombiane
E un altro fratello ha il padre che non si contano i reati

Chesta sera bev tropp mentr pens a diman
N’to cassett teng a glock, affianc ‘o cont bancario
Me ne vac assai luntan, aro nun pigl ‘o 3G
Cu na tipa ca me spoglia, senza manc usà e man

Vamos a la playa
Con la plata nella Gucci
Me dice que soy bueno
Mentre lev ‘a cinta Gucci
Trappo comm ‘a Genny
Mentr accir ‘a nu cristian
Ogni piezz mi è na hit, già ra Napl a Milan

Liev e sord a sott terr ‘o sai ca a cart fa a muff
Accatt e pret e nu milion e chiurl n’te casciun
Sott e terr e contadin stann spars e miliun
Ca stann e muort ca te parln chius rint e mur
Nuij ca scennimm sul a tuta
Ma nu stipendij man
‘Ngann a cap e nu lion
A cas e sord ca pal
Tatuat ‘o marchio e fabbric rint ‘o scantinat
Co Neboso tutt nervos
Nuij che cap scuppiat
Teng a Nike bianca ‘mballat proprij comm e a bamba
Tu ca parl sultant
Santo Domingo, Aghram
Loc e boss n’to sistem vonn omm che pall
Voglio e sord a pedana pecche veng a n’ta famm

Togli i soldi da sotto terra lo sai che la carta fa la muffa
Compra le prete da un milione e chiudile nei cassonetti
Sotto le terre dei contadini stanno sparsi i milioni
Qua ci stanno i morti che ti parlano chiusi dentro ai muri
Noi qua scendiamo solo in tuta
Ma con uno stipendio in mano
Al collo la testa di un leone
A casa i soldi con la pala
Tatuato il marchio di fabbrica nello scantinato
Con Neboso tutto nervoso
Noi con le teste scoppiate
Ho una Nike bianca imballata proprio come la bamba
Tu che parli soltanto
Santo Domingo, Aghram
Lì i boss nel sistema vogliono uomini con le palle
Voglio i soldi a pedana perché vengo dalla fame

Chesta sera bev tropp mentr pens a diman
N’to cassett teng a glock, affianc ‘o cont bancario
Me ne vac assai luntan, aro nun pigl ‘o 3G
Cu na tipa ca me spoglia, senza manc usà e man

Vamos a la playa
Con la plata nella Gucci
Me dice que soy bueno
Mentre lev ‘a cinta Gucci
Trappo comm ‘a Genny
Mentr accir ‘a nu cristian
Ogni piezz mi è na hit, già ra Napl a Milan


Ascolta su: