Geôlier – Emanuele: audio e testo dell’intima title track del disco d’esordio

0

Il testo, la traduzione in italiano e l’audio dell’intima title track dell’album Emanuele di Geôlier, disco d’esordio disponibile dall’11 ottobre 2019. Nell’insolita traccia che chiude il progetto, il rapper campano rappa in maniera sincera, quello che provava in quel periodo, che al contrario di quanto molti penseranno, non era così felice.

Purtroppo sembra che non stava poi tanto bene, in quanto, anche se ora ha raggiunto il successo ed ha tanti soldi, sente la mancanza dell’ex ragazza che evidentemente ama ancora e riflette anche sul futuro e se riuscirà a farsi una famiglia. E poi c’è la gente che lo cerca perché vuole Geôlier, non Emanuele, che ormai sembra abbia perso l’amore. Insomma, in questa special track, il rapper mostra tanto pessimismo, depressione e poca voglia di vivere. Ma chiaramente, ciò che ha scritto risale ad un periodo non meglio specificato, quindi ci auguriamo che al presente le cose siano migliorate.

copertina album emanuele

Geolier Emanuele testo e traduzione della canzone

downloadDownload su: AmazoniTunes

L’urdma vot ca’ scrivett, pens
È stran pecché po’ nu pens spess
Pecché chi pens nun è introvers
E mor arint pecché ‘sta vit nun m ra’ nient
Tnev a te e mo nu teng nemmanc chiù ch’ell
Pens o futur e m perd pnsann a ch’ell che aggia pers
Perd n’ammor important, aropp nd sient chiù o stess
T piens ‘ca sto buon, ma è compless
Se ‘t raccont a vita mij, a toj a iett ‘ndo cess
Si t’accarezz ndo ‘t ngazz, ric liev e man
‘To giur t vogl ben, pur se ‘t rong o mal
Chiagn e pens ‘o passat
M chiammav ammor mij
‘To giur t vogl ben, mo si pur nun sij a mij
E sacrific che e fatt, o saj me arricord
Quann ‘nz scnnev pecché n’ce stevn maj e sord
Mo ca’ teng ‘tt cos, ma m manc chist ammor
Torn aret p’ nu bac e po’ mo stip rind o cor

Mo m’accress p’ nascr ancor
‘O sacc ca’ m staj chiamman scem
Mo’ ca’ m toccn, nu prov chiù ammor
Vonn a Geolier ma no a Emanuel

Mo m’accress p’ nascr ancor
‘O sacc ca’ m staj chiamman scem
Mo’ ca’ m toccn, nu prov chiù ammor
Vonn a Geolier ma no a Emanuel

E vot cont chist sord
M par ca’ po’ vec a vita mij rind a nu fogl
Ch’ella carta, o saj buon che po’ serv a poc
Però quand chiagn, ch’ella robb o saj ca t ra a’ vita bon
A vot chiagn a si e teng pecché e vulev ra bimb
A vot pens a me stess a si m facc a famigl
Guardm ‘nda l’uocchj, mo che vir?
Nu teng nemmanc l’anim, aspett a mort che arriv
A vot parl ‘cu mamm, ric ca’ nun so brav
Ca’ l’aggia lasciat, rind a stanz sul ess
Mo chest aria m manc, primm nu tnev nient
Mo c’accatt ‘na villa e po’ rimmang ‘cu ess
E si a vit è chiu nfam, mo nt guard chiù nfacc
Manc si rind o’ cor, nun tien n’ammor
‘Mo ‘t lev ‘tt cos, nz n mbort ‘ro mal
E ‘sta chi ven lasciat, e p chest c’ mor

Mo m’accress p’ nascr ancor
‘O sacc ca’ m staj chiamman scem
Mo’ ca’ m toccn, nu prov chiù ammor
Vonn a Geolier ma no a Emanuel

Mo m’accress p’ nascr ancor
‘O sacc ca’ m staj chiamman scem
Mo’ ca’ m toccn, nu prov chiù ammor
Vonn a Geolier ma no a Emanuel


L’ultima volta che scrissi, pensai
È stano perché non penso spesso
Perché chi pensa non è introverso
E muoio dentro perché questa vita non mi da niente
Avevo te e adesso non ho neanche più quello
Penso al futuro e mi perdo pensando a quello che ho già perso
Perdi un amore importante, dopo non ti senti più lo stesso
Tu credi che io che stia bene, ma è complesso
Se ti racconto la mia vita, la tua la butto nel cesso
Se ti accarezzo dove ti fa arrabbiare, dici leva le mani
Ti giuro, ti voglio bene, anche se ti do il male
Piango e penso al passato
Mi chiamavi amore mio
Ti giuro che ti voglio bene, anche se non sei più mia
I sacrifici che hai fatto, sai che me li ricordo
Quando non si scendeva perché non c’erano mai soldi
Ma adesso che ho tutto, mi manca questo amore
Torno indietro per un bacio e poi lo conservo nel cuore

Adesso mi ucciderei per nascere ancora
Lo so che mi stai dando dello scemo
Adesso che mi toccano, non trovo più amore
Vogliono a Geolier ma non a Emanuele

Adesso mi ucciderei per nascere ancora
Lo so che mi stai chiamando scemo
Adesso che mi toccano, non trovo più amore
Vogliono a Geolier ma non Emanuele

Alle volte conto questi soldi
Mi sembra che poi veda la mia vita in un foglio
Quella carta, lo sai bene che poi serve a poco
Però quando piango, sai che quella roba ti fa vivere una vita buona
Alle volte piango e se ho questo è perché lo volevo da bimbo
Alle volte penso a me stesso e se mi faccio una famiglia
Guardami negli occhi, ora cosa vedi?
Non ho nemmeno l’anima, aspetto che arrivi la morte
Alle volte parlo con mamma, dice che non sono bravo
Che l’ho lasciata in una stanza da sola
Adesso quest’aria mi manca, prima non avevo niente
Adesso gli compro la villa e poi rimango con lei
E se la vita è più infame, ora non ti guardo più in faccia
Nemmeno se dentro al cuore, non hai più amore
Ora ti leva tutto, non t’importa del male
E c’è chi viene lasciato e per questo ci muore

Adesso mi ucciderei per nascere ancora
Lo so che mi stai chiamando scemo
Adesso che mi toccano, non trovo più amore
Vogliono a Geolier ma non Emanuele

Adesso mi ucciderei per nascere ancora
Lo so che mi stai chiamando scemo
Adesso che mi toccano, non trovo più amore
Vogliono a Geolier ma non Emanuele

Ascolta su: