Ascolta Collera di Nicola Siciliano con Rocco Hunt (con testo)

0

Impreziosita dalla collaborazione con rocco Hunt, Collera, quinta traccia inserita nel debut album di Nicola Siciliano, Napoli 51, era sicuramente una delle canzoni più attese del disco e a parer mio non tradisce le aspettative.

Ascolta e leggi il testo di questo contagioso e coinvolgente pezzo, scritto a quattro mani dai due rapper e prodotto da Valerio Nazo. Nel brano, i protagonisti non riservano belle parole nei confronti della persona che amano perché, come da titolo, li ha fatti imbestialire non poco.

Ricordo che nel disco del talentuoso rapper napoletano classe 2002, anticipato da Resta Cu Me (Ft. Ketama126), sono presenti le già conosciute 14 tracce racchiuse in “Napoli 51: Primo Contatto”, pubblicato lo scorso 14 agosto, più dodici interessantissimi inediti e collaborazioni con artisti del calibro di Vegas Jones, Clementino e Nitro.

copertina album napoli 51

Testo Collera – Nicola Siciliano & Rocco Hunt

downloadDownload su: Amazon – Ascolta su: Apple Music

[Nicola S.]
Ma che vuo’? Tagg rat ‘te cos’ e tu me fatt piglia collr (collr)
Si t’aspiett ca je torn in ginocchio alluccann perdonm (perdonm), yeh (yeh)

[Insieme]
Sta ferit mbiett a mme’, me fa mal comm a che
Ma so brav’ e mo tratteng’, sto cu chesta e pens’ a te
Ca me fatt piglia collr
Ma cierti storij nun se scordn

[N. Siciliano]
E sbagl mi nun te perdonn, eh
Ricc afor e arind povr
Stong aspettann e si nun tornn
Domandn e risponn comm e chesta collr
Ca prov te vot o cor mi quand te nommn
Si staser’ nun torn’ a cas’, eh
Fatt’ bell’ e po fa a brav’
Simm brav e pur ingrat, eh
Essr nfam chiu e nu nfam
Sul lor e sord se spennen
Song e man e n’omm che sprecn
Nun teng problem a te regala o’ munn (Brr, brr, brr, brr)
Si tutt sti fierr nun servn

[Rocco Hunt, *Insieme*, (N. Siciliano)]
Ma che vuo’? Tagg rat ‘te cos’ e tu me fatt piglia collr
Si t’aspiett ca je torn in ginocchio alluccann *perdonm*, (yeeeh)

[Insieme]
Sta ferit mbiett a mme’, me fa mal comm a che
Ma so brav’ e mo tratteng’, sto cu chesta e pens’ a te
Ca me fatt piglia collr

[Hunt, (sic)]
Ma cierti storij nun se scordn (certi storij nun se scordn)

[Hunt]
Fors’ nun ir pe me-e
Sceng e staser te scord’
Me bev’ o bancon ro bar, eh
Pe Napl nziem a Nicol
To giur’, t’ blocc’ a t part
Facebook, Instagram e Whatsapp
Nun vec chiù manc na storij
O sai t cancell’ pur arind a memorij
Stai nervos m ric: “nun m fid'”
I sottovoc’ rispong: “fai buon”
Pecché l’ammor alla fin t’accire
Puo’ sul scegliere a morta miglior’
Vogl muri rind a l’uocchij tuoie
Oper d’art rint o corridoi
Quand’ con calm me scet e 2
Vogl e cornett ngopp o vassoi
A’ varc a mar pass a la Neran
Sceng a Positan, tutt’ Dolce e Gabban (yeh)
10 ann in vett’, fra’, nun e’ furtun’
Me god a costier, bev sta fior d’uv’
Sogn’ infrant ngap a ‘sti guagliun’
Scrivo ancor, nun pozz deludr (ehi)
Preg a Crist e rimane me stess’
Senz’ eccess’

[Nicola S.]
Ma che vuo’? Tagg rat ‘te cos’ e tu me fatt piglia collr (oh)
Si t’aspiett ca je torn in ginocchio alluccann perdonm (yeh)

[Insieme]
Sta ferit mbiett a mme’ me fa mal comm a che
Ma so brav e mo tratteng sto cu chesta e pens a te
Ca me fatt piglia collr

[Hunt, (N. Siciliano)]
Ma cierti storij nun se scordn (certi storij nun se scordn)