Ascolta e leggi il testo di Alright by Gemitaiz, Geolier ed Emis Killa

0

I rapper Gemitaiz, Emis Killa e Geolier insieme in Alright, settima traccia facente parte di Quello che Vi Consiglio, Vol. 9, disponibile nei negozi e nelle piattaforme streaming dal 6 novembre 2020. Il testo e l’audio del brano.

Questo coinvolgente brano, uno dei più attesi del mixtape QCVC 9, per la prima volta in vendita, è stato scritto dagli interpreti e prodotto dal romano Sine, al secolo Alfonso Climenti.

Il nono capitolo del mixtape, viene per la primissima volta commercializzato in quanto le 18 tracce presenti, sono state incise su basi inedite, create anche dallo stesso Davide De Luca, alias Gemitaiz, che in quest’occasione ha quindi lavorato sia come rapper che come producer, carriera che ha iniziato proprio in questo 2020. I precedenti 8 volumi, contenevano invece brani incisi su strumentali (italiane e non) già edite.

In questo nuovo disco non mancano illustri ospiti come IZI, Fabri Fibra, Nitro, Madman, Carl Brave, Achille Lauro e Chadia Rodriguez, tanto per citarne solo alcuni.

copertina album QUELLO CHE VI CONSIGLIO VOL. 9

Testo Alright di Gemitaiz, Emis Killa & Geolier

downloadDownload su: Amazon – Ascolta su Apple Music

[Gem.]
Alright (Yeah)
Sono in strada coi bro’, tu su Fortnite
So fly, so high, vieni ai live, fra’, on stage fumo un bonsai
All night, frate’, corro veloce, ho il flow Nike
Parli con le guardie? That’s the shit that I don’t like
Esco (Esco), vado al primo posto, vesto (Come?)
Con la maglia dei Deftones
Una barra e ti spezzo
Nero tipo blackwork, bevo un litro e mezzo (ehi)
Quando scrivo un pezzo, una tigre tipo Kenzo (ehi)
Bros rollin’ dentro ai montoni
Se ci fermano e fanno due controlli
Fra’, mi mandano dentro, sì, col trolley
I don’t want it! (No)
Ehi, siamo allucinati (wow)
Siamo tutti fatti (wow), siamo multiplati’ (yah)

[Emis K., Geol.]
Ah, odio ‘sta mer*a, ma mi viene bene
Lei parla troppo, però viene bene
Cervello e cuore li ho in competizione
Per fortuna ho il ca**o che li tiene insieme
Vorresti un singolo alla Sere Nere (Nah)
Io invece passo le mie notti in bianco
La svolta chiama sul mio cellulare
Io non le rispondo perché sto ficcando
Flow Hattori Hanzō (ah), taglio ‘sti rapper in due
Frate’, il tuo disco è un romanzo (yeh), pieno di controfigure
Quando ti incontro se non ti saluto
C’è sempre un motivo, fra’, fatti due conti
Non mi piacevi quando ero nessuno
Figurati adesso che ho fatto due soldi, ehi
Sono Killa, figlio di pu**ana, sì come Zzala, chico que pasa?
Vuoi fare il figo Montana? Al massimo mi sembri Enrico Mentana, yah (yah)
Esisti grazie ai tuoi amigos (uh), sei come il terzo dei Migos (uh)
Con quella faccia da DIGOS (Yeah) da queste parti tu “adios”

[Geo.]
Vennenn bianc (yeh) m’agg fatt na casa ca par na Casa Bianca
Frate’, astipate ‘e sord int a mattunella sempe pe’ quann succer l’ambaradam
Senza scarp camina, fa friddo
‘O pavimento che teng, frate’, o ssaje che è de marm
E na bitch ch curr, o tapis roulant
‘Azz, allora Geolier è n’omm ch”e pall
Meglio chianu, chianu, saglie mano mano
Pecché ‘a gente lloco n’me capisce tant
Caccio o grave, grave si me saglie ncapa
Chesta nfonn o slip m po essr mamm (Yeah)
Quant chile ten tutt, tu faje nu furt
Quando tras int o ghett te fann brutt
Vac speed veloce me fann e mult
Tu staje rutt, Geolier saje che è nu cult
Vaco nfrev jastem int a nu cult
Pare brutto
Mantienet o sce very good
Si rep o microfn jesce r’a int all’input
Teng sett vit, set tip
Nun can’t mai ra settemila, asset e king
Machina mia l’asset tozz nderr, vir
Vnim in sett e nuje pec e lov, sett mitr



La traduzione in italiano della strofa di Geolier

Suggerimenti sono sempre graditi.

Si ringrazia Antonio per le correzioni, “nota” inclusa

Vendendo coca mi sono fatto una casa che sembra la Casa Bianca
Fratello, nasconditi sempre i soldi in una mattonella per quando succede l’ambaradam
Cammina senza scarpe, fa freddo
Il mio pavimento, fratello, lo sai che è di marmo
E una stron*a che corre sul tapis roulant
Azz, allora Geolier è un uomo con le palle
Meglio piano piano, salgo mano mano
Perché la gente qui non mi capisce tanto
Tiro fuori il grave, grave se mi sale in testa [Nota: con “grave”, si riferisce al tono di voce basso]
Questa bagna slip, mi può essere mamma
Quando quello ha tutto tu fai un furto
Quando entri nel ghetto ti fanno brutto
Vado veloce, mi fanno le multe
Tu sei rotto, sai che Geolier è un culto
Mi arrabbio, bestemmio in un culto
Pare brutto
Mantieniti lo scemo, very good
Se rappo, il microfono esce dall’input
Ho sette vite, sette tipi
Non canto mai da settemila, assetto da king
La macchina mia ha l’assetto che tocca a terra, vedi?
Veniamo in sette di noi, in pace e amore, sette mitra