Traduzione testo Sixteen Saltines | Jack White

0


Dopo aver visto il video ufficiale del nuovo singolo di Jack White intitolato Sixteen Saltines, è il momento di testo e traduzione.

Ricordiamo che l’inedito, è il secondo estratto dal primo prodotto discografico da solista, che si intitola “Blunderbuss“, che sarà messo in vendita a partire dal 23 aprile 2012.

Testo Sixteen Saltines – Jack White
She’s got stickers on her locker
And the boy’s number’s there in magic marker
I’m hungry and the hunger will linger
I eat sixteen saltine crackers then I lick my fingers
Well every morning I deliver the news
Black hat white shoes and I’m red allover
She’s got a big mailbox, that she puts up front
Garbage in garbage out, she’s getting what she wantsWho’s jealous who’s jealous who’s jealous who’s jealous of who?
If I get busy then I couldn’t care less what you do
But when I’m by myself I think of nothing else
Than if a boy just might be getting through and touching you

Spike heels make a hole in a lifeboat
Jumping and weaving and I’m talking and laughing as we float
I hear a whistle, that’s how I know she’s home
Lipstick, eyelash, broke mirror, broken home

Force fed, force mixed ’till I drop dead
You can’t defeat her, when you meet her you’ll be what I said
And lord knows there’s a method to her madness
Bustin’ those jokes as I float in a sea of sadness

She doesn’t know but when she’s gonna sit and drink up a few
I’m sure she’s drinkin too, but wondering what for and who
And I’m solo rollin’. I’m one side off the boat.
Looking out, throwing up, a lifesaver down my throat

Who’s jealous who’s jealous who’s jealous who’s jealous of who? (x3)


Traduzione
Lei ha degli adesivi sull’armadietto
E il numero del ragazzo è lì scritto con il pennarello indelebile
Sono affamato e la fame persisterà
Mangio 16 crackers e poi mi lecco le dita
Beh, ogni mattina consegno il giornale
Cappello nero, scarpe bianche e vestito completamente di rosso
Lei ha una cassetta per le lettere grande davanti casa
Rifiuti dentro, rifiuti fuori, si sta prendendo quel che vuole
Chi è geloso, chi è geloso, chi è geloso di chi?
Se mi do’ da fare allora non può fregare di meno di quello che fai tu
Ma quando sono per conto mio non penso ad altro
Se non se un ragazzo possa semplicemente raggiungerti e toccartiI tacchi a spillo possono fare un buco in un salvagente
Salto e barcollo e parlo e rido mentre galleggiamo
Sento un fischio, è così che so che lei è a casa
Rossetto, ciglia, specchio distrutto, casa distrutta

Nutrito a forza, mischiato a forza finché non cado morto
Non puoi sconfiggerla, quando la incontra sarai quel che ho detto
E Dio solo sa che c’è un rimedio alla sua follia
Rovino gli scherzi mentre galleggio in un mare di tristezza

Lei non lo saprà fin quando non si sarà seduta e avrà bevuto un po’
Sono sicuro che stia bevendo anche lei, ma mi domando perché e per chi
E sto girando da solo. Sono metà fuori dalla barca
Sull’attenti, vomitando, un bagnino giù per la mia gola

Chi è geloso, chi è geloso, chi è geloso di chi? (x3)

Credit traduzione – WikiTesti