Rocco Hunt e Geolier in duetto sulle note di “Che me chiamme a fa?”, contagioso nuovo singolo (audio e testo)

2

I rapper campani Rocco Hunt e Geolier duettano in Che me chiamme a fa?, nuovo singolo prodotto da Nazo, nel quale i due sono innamorati e soffrono per amore. La coinvolgente canzone, che come si evince dal titolo è rigorosamente in dialetto napoletano (il testo trascritto, sotto il lyric video), è disponibile da venerdì 19 febbraio 2021 su RCA Records

 

Nell’attesissimo brano inedito, che a parer mio non delude le aspettative, i due artisti, già al lavoro insieme in “Nisciun’“, sesta traccia di Libertà, ultima fatica discografica di Rocco,  si rivolgono alla ragazza che amano ma che li fa soffrire.

Poche ore prima della release di questa potenziale hit, Hunt ha condiviso sui social: “L’attesa è finita, stiamo per sganciare la bomba!“, ed effettivamente di questo si tratta, di un probabile ennesimo successo del rapper salernitano e del collega napoletano classe 200, Emanuele Palumbo, meglio conosciuto come Geôlier, astro nascente della trap partenopea, che vanta una incredibile e crescente fanbase.

copertina brano che me chiamm a fa

Testo Che me chiamme a fa? di Rocco Hunt e Geolier

downloadDownload su: Amazon – Ascolta su Apple Music

Salta alla traduzione in italiano

[Ritornello: R. Hunt]
Ma allor’ a notte che me chiamm’ a fa?
Si overament nun ce tien’
Dimme pecché mo triemme?
Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’
Dincell’ o munn’ stamm assiem’
Si care tu me mantien
Ma allor’ a notte che me chiamm’ a fa?
Si overament nun ce tien’
Dimme pecché mo triemme?
Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’
Dincell’ o munn’ stamm assiem’
Si care tu me mantien

[Strofa 1: Rocco H.]
Si vuo’ te scrivo na poesia
Si però je nun so’ Neruda
E tu nun si’ mica a primma scem’
Ca pe chiacchier s’illude
Tu a cunusc’ a vita mia
Sanguisughe e barracuda
Forse è meglio a nun sape’
Nun durmisse nu minuto
Na regin’ vo’ a nu re
Si ma o’re tiene n’impero
E pe cumbatter’ e nemic
Nun a vede pe juorne intere
Essa se sente trascurata
Ma a’ fore pare invincibile
Cissà addo a trov’ a forz’
E se crescxere natu’ principe
Ehi

Ma pecché nun ce stai maje quanno te voglio?
Ma pecché me faje ‘sta faccia si te spoglio?
Me pare ca nun te import’ e me
E je nun nt’e vogl mentene’

[Ritornello: R. Hunt]
Ma allor’ a notte che me chiamm’ a fa?
Si overament nun ce tien’
Dimme pecché mo triemme?
Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’
Dincell’ o munn’ stamm assiem’
Si care tu me mantien
Ma allor’ a notte che me chiamm’ a fa?
Si overament nun ce tien’
Dimme pecché mo triemme?
Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’
Dincell’ o munn’ stamm assiem’
Si care tu me mantien

[Strofa 3: Geolier]
Yeh
Pecché me ric ca nun t’am
Ij nun e dic certi cos’
Per dicer quant’ t’am ancor anna inventà e pparol’
O saje m’escludo a tutt quante e dic ca me sent’ sul
Tu si bella comm a che
Chiu assaje vestut, no a’nnur
Ma che piens’ e me?
Quann parlan tutt’ quante
Pecché giustament lor ancor nun o sanno
So nu uaglione e strad e se n’e’ accort mamm’ e babb’
E quann parl annanz a lor in italian sbagl’
T’accat aniell e Tiffany
Ma vestut Nike
Iammucenn’ a Miami
Si nu quadr’ e Dalí
Nun me cerca scus’
M’nvent na scus’ po vac
Tu ‘nvient na scus, rimman

[Ritornello: Geolier]
Ma allor’ a notte che me chiamm’ a fa?
Si overament nun ce tien’
Dimme pecché mo triemme?
Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’
Dincell’ o munn’ stamm assiem’
Si care tu me mantien

[Ritornello: Insieme]
Ma allor’ a notte che me chiamm’ a fa?
Si overament nun ce tien’
Dimme pecché mo triemme?
Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’
Dincell’ o munn’ stamm assiem’
Si care tu me mantien

La traduzione di Che me chiamm’ a fa, canzone di Rocco Hunt ft. Geolier

[Ritornello]
Ma allora la notte che mi chiami a fare?
Se veramente non ci tieni
Dimmi perché tremi?
Io con te non voglio più giocare
Di al mondo stiamo insieme
Se cado tu mi tieni
Ma allora la notte che mi chiami a fare?
Se veramente non ci tieni
Dimmi perché tremi?
Io con te non voglio più giocare
Di al mondo che stiamo insieme
Se cado tu mi tieni

[Strofa 1]
Se vuoi ti scrivo una poesia
Si, però io non sono Neruda
E tu non sei mica la prima scema
Che si illude con le chiacchiere
Sai com’è la mia vita
Sanguisughe e barracuda
Forse è meglio non sapere
Non dormiresti un solo minuto
Una regina vuole un re
Si, ma il re ha l’impero
E per combattere i nemici
Non la vede per giorni interi
Lei si sente trascurata
Ma sembra invincibile
Chissà dove trova la forza
Di crescere un altro principe
Ehi

Ma perché non ci sei mai quando ti voglio?
Ma perché mi fai questa faccia se ti spoglio
Mi sembra che non ti importi nulla di me
E non voglio mantenerti
Ehi

[Ritornello]
Ma allora la notte che mi chiami a fare?
Se veramente non ci tieni
Dimmi perché tremi?
Io con te non voglio più giocare
Di al mondo stiamo insieme
Se cado tu mi tieni
Ma allora la notte che mi chiami a fare?
Se veramente non ci tieni
Dimmi perché tremi?
Io con te non voglio più giocare
Di al mondo che stiamo insieme
Se cado tu mi tieni

[Strofa 2]
Perché mi dici che non ti amo
Io non le dico certe cose
Per dirti quanto ti amo ancora devono inventare le parole
Lo sai che escludo tutte quante e dico che mi sento solo
Tu sei bella come a che
Di più vestita, non nuda
Ma cosa pensi di me?
Quando parlano tutti
Perché giustamente loro ancora non lo sanno
Sono un ragazzo di strada e se se ne sono accorti mamma e papà
E quando parlo davanti a loro in italiano, io sbaglio
Ti compro anelli di Tiffany
Ma vestito Nike
Andiamocene a Miami
Sei un quadro di Dalí
Non cercarmi scuse
Mi invento una scusa poi vado
Tu inventi una scusa, domani

[Ritornello]
Ma allora la notte che mi chiami a fare?
Se veramente non ci tieni
Dimmi perché tremi?
Io con te non voglio più giocare
Di al mondo stiamo insieme
Se cado tu mi tieni
Ma allora la notte che mi chiami a fare?
Se veramente non ci tieni
Dimmi perché tremi?
Io con te non voglio più giocare
Di al mondo che stiamo insieme
Se cado tu mi tieni

Torna al testo