Maledetto tempo, Franco126: ascolta la bellissima canzone scritta ispirandosi al discorso d’addio di Totti (con testo)

1

Maledetto Tempo è una meravigliosa canzone di Franco126, indubbiamente una delle più belle racchiuse in Multisala, secondo album in studio del cantautore romano, uscito il 23 aprile 2021 per Bomba Dischi & Island Records, a oltre due anni dal fortunato disco d’esordio solista Stanza Singola. L’audio, il testo e il significato della coinvolgente canzone.

Interamente prodotto da Stefano Ceri (come il disco d’esordio) e anticipato da Blue Jeans, Nessun perché e Che senso ha, l’interessante progetto è composto altri sette imperdibili inediti, tra i quali quello in oggetto, scritto e composto da Giovanni De Cataldo, aka Enphashishi’, Pietro Di Dionisio, Ceri e lo stesso Federico Bertollini, meglio conosciuto come Franco126. Se la prima era discografica aveva come richiamo la solitudine, Multisala ha invece più sfaccettature, con canzoni che sono proprio delle storie, come ad esempio la traccia “Simone”, che parla di un amico dell’artista classe 1992.

Il significato della canzone Maledetto Tempo

Maledetto tempo, traccia numero sei dell’album, è una canzone “sulla paura di diventare grandi e su tutti i dubbi e le insicurezze che crescere porta con sé” ha affermato Federico, che ha aggiunto “La produzione e la salita melodica si rifanno ai grandi classici della canzone italiana, mentre l’ispirazione e il titolo mi sono venuti dal discorso di addio al calcio di Totti, che incarna il dramma dello sportivo, costretto a smettere per colpa dell’età. Ho scritto il brano insieme a Giovanni De Cataldo, un mio amico che, al contrario di me, è appassionato di calcio, che mi ha suggerito di partire dal discorso di addio alla Roma di Totti, in cui dice proprio “maledetto tempo. Ho trovato il suo discorso d’addio brutale e mi ha ispirato.”.

copertina album Multisala

Maledetto Tempo Testo Franco126

Download su: Amazon – Ascolta su: Apple Music

 

(1a Strofa)
Il tempo passa
O siamo noi che gli passiamo accanto
E io col mio modo distratto
Neanche mi accorgo che te ne stai andando
Proprio sul più bello
E lo so, è da ingenui
Pensavo che fosse per sempre
E in un istante oggi diventa ieri

(Pre-Rit.)
Ma chi lo sa
Se è solo un altro scherzo del destino?
Che poi, che è tutto quanto già deciso
Chi l’ha deciso?
Chi l’ha deciso?
E ti dirò
Non me ne andrò di certo in tutta fretta
Non sono ancora pronto a dire basta
Probabilmente non lo sarò mai

(Rit.)
Maledetto tempo
Maledetto me
Come mi è venuto in mente… di crescere?
Ma che mi è preso a me?
Maledetto tempo
Maledetto me
Si è fatto tardi troppo presto
E ho un po’ paura se ci penso
La strada alle mie spalle corre via
Ma sorrido in faccia alla malinconia

(2a Strofa)
Il tempo passa
E penso a che avrei fatto in quei momenti
Però con degli occhi diversi
E non lo sguardo che avevamo ieri

(Pre-Rit.)
Ma chi lo sa
Se è solo un altro scherzo del destino?
Che poi, che è tutto quanto già deciso
Chi l’ha deciso?
Chi l’ha deciso?
E ti dirò
Non me ne andrò di certo in tutta fretta
Non sono ancora pronto a dire basta
Probabilmente non lo sarò mai

(Rit.)
Maledetto tempo
Maledetto me
Come mi è venuto in mente… di crescere?
Ma che mi è preso a me?
Maledetto tempo
Maledetto me
Si è fatto tardi troppo presto
E ho un po’ paura se ci penso
La strada alle mie spalle corre via
Ma sorrido in faccia alla malinconia