Ligabue, Non ho che te: testo e video ufficiale

0

 

Aggiornamento: è online il video ufficiale del singolo di Ligabue, Non ho che te. Il filmato è stato diretto da Cosimo Alemà e prodotto dalla 999 Films in collaborazione con Eventidigitali Films. Le location scelte dal regista comprendono la Fonderia Romana, la spiaggia dei “bilancioni” di Fiumicino e alcune aree urbane di Roma, periferie che potrebbero essere di qualsiasi grande città italiana. Il linguaggio del video è un “neorealismo” di sapore profondamente cinematografico. I protagonisti sono Patrizio La Bella e Maria Pia Calzone (“Gomorra”), con la partecipazione di Francesco Siciliano (“La Santa”) nelle vesti del capo di Dario.Potete vederlo da qui, poco in alto. Per la visione su Youtube cliccate sull’immagine sottostante dopo la quale trovate più informazioni sul brano.

non-ho-che-te-videoclip-liga

Vi riporto la descrizione del videoclip: Dario è un operaio. Fa colazione con sua moglie Sara ed esce per andare in fabbrica. In un lunedì che sembrava uguale a tanti altri, Dario si ritrova, improvvisamente, senza il lavoro. Anche per il titolare della fonderia il licenziamento degli operai è un momento drammatico di grande sofferenza. Una settimana intera della nuova vita di Dario è caratterizzata da difficoltà di interazione con Sara, gli amici, il fronteggiare un’inedita solitudine. Un ritratto crudo che ci costringe a vivere attraverso i suoi occhi il dolore, il senso di inadeguatezza, la fragilità di uno scenario purtroppo molto diffuso e logorante.

Scritto originariamente in data 15 aprile 2015

Non ho che te è un nuovo brano del rocker Luciano Ligabue tratto da Giro del mondo, nuovo disco live pubblicato il 14 aprile scorso, che propone anche quattro canzoni inedite.

L’artista ha spiegato sui social nework, che questo pezzo è incentrato sulla disoccupazione e da ciò che ne consegue.

Oltre a parlare di una persona licenziata, l’inedito tratta il difficile tema della crisi economica, inteso anche come crisi d’identità che essa fa scaturire nella gente.

Qui potete vedere una breve clip, nella quale il rocker di Correggio spiega il significato di questo pezzo, aggiungendo che la canzone presenta un arrangiamento musicale tra il punk ed il rock.

Siamo davvero curiosi di ascoltarla e fa indubbiamente piacere che il cantante parli di questo delicato quanto importante tema…

In attesa dell’audio della prima traccia del secondo CD, potete leggere il testo appena dopo l’immagine relativa alla copertina del nuovo lavoro di Liga. Edit: aggiunto l’audio che potete ascoltare cliccando sull’immagine in basso.

Aggiornamento: la canzone è nel frattempo divenuta il secondo singolo estratto dal disco di Liga, che venerdì 12 giugno, data in cui viene anche trasmesso in radio, ha reso disponibile il lyric video che potete vedere direttamente da qui, ad inizio articolo.

Giro-del-Mondo-Standard-Edition-cover-2CD-1DVD

 

 

Testo Non ho che te – Ligabue (Digital Download)

L’inferno è solamente una questione temporale
a un certo punto arriva, punto e basta
a un certo punto han chiuso l’ingresso principale
e han detto avete perso il posto
è vero il mio lavoro è sempre stato infame
ma l’ho chiamato sempre il mio lavoro
e ci han spostato sempre un po’ più avanti la pensione
ma quello adesso è l’ultimo pensiero

Non ho che te, non ho che te
ti chiedo scusa se ti offro così poco
non ho che te, non ho che te
volevo darti tutto ciò che avrei dovuto
volevo darti tutto ciò che avrei voluto

L’inferno è solamente una questione personale
all’improvviso il posto che frequenti
in banca son gentili ma non mi danno niente
la stessa gentilezza del serpente
i giorni sono lunghi, non vogliono finire
le luci sono quasi tutte spente
il sindacato chiede un’altra mobilitazione
per quelli che ci sono ancora dentro

Non ho che te, non ho che te
che cosa ho fatto per meritarmi tanto
non ho che te, non ho che te
ti chiedo scusa se non ti darò abbastanza
ti chiedo scusa se ti chiederò pazienza

L’altro giorno ho visto il titolare
aveva gli occhi gonfi, la giacca da stirare
mi ha visto, si è girato, stava male
aveva gli occhi vuoti, la barba da rifare

L’inferno è solamente una questione di calore
com’è che sento il gelo nelle ossa
che cosa te ne fai di un uomo che non ha un lavoro
di tutti quei vorrei però non posso
vedessi quanto buoi sotto questo sole
ma è molto meglio se non vedi niente
vedessi dove arrivano i pensieri di qualcuno
vedessi amore come fan spavento

Non ho che te, non ho che te
ti chiedo scusa se ti offro così poco
non ho che te, non ho che te
volevo darti tutto ciò che avrei dovuto

Non ho che te, non ho che te
che cosa ho fatto per meritarmi tanto
non ho che te, non ho che te
ti chiedo scusa se non ti darò abbastanza
ti chiedo scusa se ti chiederò pazienza