La Maschera – ‘A Cosa Justa: audio e testo della canzone

0

‘A Cosa Justa è un singolo del gruppo folk napoletano La Maschera, disponibile ovunque da mercoledì 4 dicembre 2019 via Graf / Full Heads, come anticipo del terzo album in studio, atteso per l’autunno del 2020.

Il testo, l’audio e il videoclip del coinvolgente comeback del gruppo composto da Roberto Colella (voce, chitarra e tastiera), Alessandro Morlando (chitarra elettrica), Vincenzo Capasso (tromba), Marco Salvatore (batteria) e Antonio Gomez (basso).

A due anni di distanza dal secondo album ParcoSofia, che consentì alla band di farsi un nome in un po’ tutta la penisola e non solo, visto il tutto esaurito in concerti che hanno avuto luogo in paesi come Ungheria, Canada, Portogallo, Francia e Corea del Sud, questo gruppo torna alla ribalta con questa canzone, scritta da Alessio Sollo (autore, poeta e amico di Colella) e composta da Roberto Colella, nella quale si parla d’amore, quel sentimento che può rappresentare un vicolo senza uscita, in cui perdersi diventa un piacere.

Il video ufficiale che accompagna questo bel brano, è stato diretto da Riccardo Ciccarelli e vede alternarsi immagini del gruppo che suona questo pezzo, ad altre che mostrano una coppia (Arianna Cozzi e il regista stesso) alle prese con un balletto, in un chiaroscuro che lascia pensare all’onirico e alla perdita della persona amata.

copertina canzone a cosa giusta

La Maschera – A Cosa Justa testo

downloadDownload su: AmazoniTunes

he fatto troppo buono a me lassà
nu core mò s’addorme sotto ‘e ponti
je so’ nu vico ‘scuro ca nun sponta
nu muccusiello de ‘na certa età

e nun te preoccupà
si campo o moro
ormai nun sento cchiù
manco ‘o dulore
je tras’ e jesco ‘a dint’ ‘e tarantelle
me scordo ‘o male e resta sulo ‘o bello
e je resto sulo…

he fatto ‘a cosa justa a lo caccià
st’ammore piccirillo e carestuso
se trova ‘o core a piezzi e ‘o lietto ‘nfuso
chi dorme cu’ ‘e criature ‘o sape già

e nun te preoccupà
si campo o moro
ormai nun sento cchiù
manco ‘o dulore
je tras’ e jesco ‘a dint’ ‘e tarantelle
me scordo ‘o male e resta sulo ‘o bello
e je resto sulo…

e mò che ‘o bene ca… sentivi ajere
è addivintato sfogo… ‘e giuventù
m’abbasta ‘e te tené… dint’ ‘e pensieri
addò annascuso nun ce lassamme cchiù
addò annascuso nun ce lassamme cchiù
addò stong’ annascuso


Ascolta su: