Gigi D’Alessio, Malaterra: testo e audio del nuovo singolo

Si intitola Malaterra il nuovo singolo di Gigi D’Alessio, che anticipa l’uscita dell’album omonimo ancora release date. L’inedito fa anche da colonna sonora al docu-film omonimo di Sergio Rubino e Ambrogio Crespi, proiettato in anteprima qualche giorno fa alla sessantunesima edizione del Taormina Film Fest. Tale documentario mostra il viaggio del cantautore partenopeo, nelle terre campane avvelenate dalla camorra, che da quelle parti la fa da padrone.

Non poteva che essere dedicata alla Campania anche questa canzone, rigorosamente in dialetto partenopeo, in cui Gigi canta il dolore nel vederla ridotta in ciò che viene oggi definito Terra dei Fuochi.

Questo significativo pezzo, che dà anche il titolo al Malaterra Tour 2015 in partenza ad autunno, è stato inciso presso i celebri Abbey Road di Londra insieme alla London Symphony Orchestra. Parole e musica sono dell’interprete mentre il Maestro Adriano Pennino ha curato gli arrangiamenti.

Malaterra è stato rilasciato negli store digitali il 23 giugno scorso ed il ricavato dalle vendite, sarà devoluto per i prossimi sette anni a #CampaniaSicura con lo scopo di riqualificare e risanare la Terra dei Fuochi.

Siete curiosi di ascoltare questa bella canzone? Previa registrazione gratuita su Deezer, è possibile ascoltare l’audio integrale (per fare ciò cliccate sulla copertina in basso), altrimenti dovrete accontentarvi di soli trenta secondi.

gigi-dalessio-malaterra-artwork

Testo Malaterra – Gigi D’Alessio (Digital Download)

“Si veco a tte’…. me sbatte o’ core
e nunn’o saccio cchiu’ ferma’
pecche’si tu… tu si l’ammore
ca io trovo sulamente cca’
cu ll’uocchie apierto aggiu cercato e te sunna’
a notte o’ jurno e a sera
e te vedevo senza te pute’ tucca’
tu Malaterra nera

Vulesse sta sempe cca’
sule p’accarezza’
chisti viche che scenneno comm’e
capill’e na femmena
pe te vasa’
proprio comme si fusse mamma’
pe senti’ chestu sale
ca nun trovo int’a nata citta’
dimme pecche’
quanno stongo cu tte
io ritorno criature
e me sent’o calore d’int’a llanema
nun puo’ capi’
si te veco e suffri’
Malaterra, si a te fanno male
io me sento e muri’

Ne fatte scrivere canzone
pure a chi nun sape leggere e suna’
ne fatte nascere poete
ca tutt’o munno hanno fatto canta’
io pure quando sto luntano
songo napulitane
pecche’ so figlio e chistu mare
so Malaterra e ammore

Vulesse sta sempe cca’
sulamente a guarda’
quann’o sole accarezze sti case
e’ puttane s’addormeno
stu cielo cca’
nunn’o trovo int’a nata citta’
chesta luna e a cuperta
e chi o friddo nun sape scarfa’
primm’e muri’
famme sule senti’
ca stu fuoco nu brucia a speranza
a sti figli pe’ crescere
tu schiava e te
ma regina pe mme’
Malaterra si lacrem’e zucchere
e io sacci’o pecche’!!!
pure pe mme!!!”


Impostazioni privacy