Psicologi – Estate80: audio e testo della nuova canzone

0

Estate80 è una delle sei nuove canzoni contenuta nella riedizione del primo album in studio degli Psicologi intitolata MILLENNIUM BUG X, nella quale è stata inserita come track numero sei. Il testo e l’audio del brano inedito.

La bella canzone è stata prodotta da Iacopo “BRAIL” Sinigaglia & Drast, che rispondendo a una domanda di un fan su Instagram, inerente al significato del titolo, rispose: “è ispirato alla strumentale che «ricorda la Riviera Romagnola negli anni 70/80, spuma, fili con lampadine fuori dal chiosco e sdraio a righe”.

Anticipata da Incubo, singolo uscito lo scorso 27 gennaio, la nuova versione del disco, racchiude altri gradevoli cinque inediti, che ho avuto il piacere di ascoltare. I brani sono JAILBREAK, MILLE SPINE, SOLO e DANZA.

copertina album MILLENNIUM BUG X

Estate80 – Psicologi – testo

Download su: AmazoniTunes

[Drast]
Chissà da fuori cosa si vede
Un bambino già vecchio, un ragazzino per bene
La mia stanza è Hiroshima e la mia vita è un cantiere
Scambio luoghi comuni con posti da vedere
Ceno in catene USA, con le posate eco-friendly
E cerco una nuova lei, coi nuovi modi di offendermi

[Pre-Rit. 1: Drast]
Chissà mio papà, com’era alla mia età
Chissà se ascoltava anche lui la musica inglese
Se allo specchio vedeva solo piccole offese
Se adesso è Peter Pan o Che Guevara in borghese

[Rit.: Drast]
E parlo inglese a Madrid, parlo spagnolo a Lisbona
Guardo in italiano i film e ho sempre una scusa nuova
Per il tuo scarso interesse (interesse), quando fai finta di niente (niente)
E parlo inglese a Madrid, parlo spagnolo a Lisbona
Guardo in italiano i film e ho sempre una scusa nuova
Per il tuo scarso interesse (interesse), quando fai finta di niente (niente)
Di niente

[Lil Kvneki]
Yeah, yeah
Di niente e per sempre siamo soli a metà
Pensieri e la gente fanno male si sa
Ma esco dai miei sogni e sembrava diversa
La neve negli occhi con il freddo in testa
Ci vorrebbe un bel volo e dopo fanc*lo tutti
Non so perché sono uomo, ma so toccare i tuoi punti
Puoi pure trattarmi male, ti parlerò come un altro
Puoi pure lasciarmi andare

[Pre-Rit. 2: Lil Kvneki]
Chissà mio papà, com’era alla mia età
Chissà se anche lui viveva senza pretese
Se allo specchio vedeva un fantasma cortese
Se adesso è Boston George o un pastore maltese

[Rit.: Drast]
E parlo inglese a Madrid, parlo spagnolo a Lisbona
Guardo in italiano i film e ho sempre una scusa nuova
Per il tuo scarso interesse (interesse), quando fai finta di niente (niente)
E parlo inglese a Madrid, parlo spagnolo a Lisbona
Guardo in italiano i film e ho sempre una scusa nuova
Per il tuo scarso interesse (interesse), quando fai finta di niente (niente)
Di niente

Ascolta su: