Zac Brown Band – Homegrown: testo, traduzione e lyric video

0

Homegrown è il primo singolo estratto da Jekyll + Hyde, quarto album in studio dei Zac Brown Band che vedrà la luce il prossimo 5 maggio.

A quasi tre anni di distanza dall’ultima fatica discografica Uncaged, il gruppo Country americano è pronto a tornare nel mercato discografico con quest’interessante disco, che sarà composto da sedici tracce inedite.

Homegrown, che sta a significare nazionale, nostrano, interno, prodotti agricoli nazionali, è il primo tassello, al quale hanno fatto seguito i singoli “Heavy Is the Head” e “Loving You Easy“.

L’inedito è stato scritto da Zac Brown, Niko Moon, Wyatt Durrette e prodotto dallo stesso Brown e Jay Joyce.

La canzone parla di un uomo soddisfatto della sua vita, piuttosto di quello che la stessa potrebbe essere. L’uomo canta dei buoni amici, di una bella donna che lo stringe, una vita alla quale non vorrebbe mai rinunciare perché gli offre tutto quel che gli serve per stare bene.

Homegrown è accompagnata dal lyric video che potete gustarvi su Youtube cliccando sull’immagine in basso, dopo la quale potete leggere la nostra traduzione in italiano e le parole in inglese.

homegrown-lyric-video-zac-brown-band

 

Homegrown traduzione – Zac Brown Band (Digital Download)

[Verso 1]
Ho un pezzetto di terra in campagna
Distendersi e scaldarsi al sole e sentire l’odore dei pini della Georgia
Ci si sente così bene da prendersela comoda
Perché mai dovrei andarmene? So io il perché

[Ritornello]
Ho dei buoni amici che vivono in fondo alla strada
C’è una bella donna con le sue braccia che mi stringono
Qui in una piccola città, dove ci si sente più a casa
Ho tutto ciò di cui ho bisogno e non mi manca nulla
Produzione locale
Produzione locale

[Verso 2]
C’è un incendio che scende sulla riva del fiume
Sorseggiamo whisky dalla bottiglia, viviamo come se non moriremo mai
Vieni e fermati un pò se non mi credi
Perché mai dovrei andarmene? So io il perché

[Ritornello]

[Ritornello (alternativo)]
Ho dei buoni amici che vivono in fondo alla strada
C’è una buona donna con le sue braccia che mi stringono
Qui in una piccola città, dove ci si sente più a casa
Ho tutto ciò di cui ho bisogno
Produzione locale
E niente che io non
Produca qui
Ho tutto ciò di cui ho bisogno
Produzione locale
E non mi manca nulla
Produzione locale

[Ponte]
E’ il peso che porti da ciò che pensi di volere
E’ il peso che porti da ciò che pensi di volere
(Il peso che porti)
Ho tutto ciò di cui ho bisogno, non mi manca nulla
E’ il peso che porti da ciò che pensi di volere
Ho tutto ciò di cui ho bisogno, non mi manca nulla
Produzione locale
Ho tutto ciò di cui ho bisogno, non mi manca nulla
Produzione locale
Ho tutto ciò di cui ho bisogno, non mi manca nulla
Produzione locale

Fonte: nuovecanzoni.com

 

Testo Homegrown

[Verse 1]
I got a piece of land out in the countryside
Lay back and smell the Sun warm up the Georgia pine
Feels so good to be taking it easy
Why would I ever leave? Cause I know

[Chorus]
I got some good friends that live down the street
Got a good looking woman with her arms ‘round me
Here in a small town, where it feels like home
I got everything I need and nothing that I don’t
Homegrown
Homegrown

[Verse 2]
We got a fire going down by the riverside
Sip whiskey out the bottle, living like we’ll never die
Come on and stay a while if you don’t believe me
Why would I ever leave, cause I know

[Chorus]

[Chorus (alternate)]
I got some good friends that live down the street
Got a good looking woman with her arms ‘round me
Here in a small town, where it feels like home
I’ve got everything I need
Homegrown
And nothing that I don’t
Homegrown
Everything I need
Homegrown
And nothing I don’t
Homegrown

[Bridge]
It’s the weight that you carry from the things that you think you want
It’s the weight that you carry from the things that you think you want
(Weight you carry)

I’ve got everything I need, nothing that I don’t
Homegrown
Everything I need, nothing that I don’t
Homegrown
Everything I need, nothing that I don’t
Homegrown
Oh, everything I need and nothing that I don’t
Homegrown