Ntò – “Senza ‘e te” ft. Marco Calone: guarda il video e leggi il testo della canzone

0

Il rapper napoletano Antonio Riccardi, alias Ntò, e il cantautore Marco Calone, hanno unito le forze in Senza ‘e te, nuovo gradevole singolo disponibile da mercoledì 10 marzo 2021. Il video è stato diretto da Gianluigi Sorrentino.

 

Leggi il testo di questa bella canzone, scritta a quattro mani dagli interpreti, composta da Antonio Visciano e Raffaele Cantone e prodotta da Dj Klonh per S9 Prod.

Il rapper classe 1982 torna con questo coinvolgente brano, formato da due strofe scritte di suo pugno, mentre il ritornello è stato affidato a Calone, che con la sua splendida voce trasmette sempre emozioni. Egli canta il dolore che prova da quando la dolce metà lo ha lasciato: insieme alla persona che ama e che gli manca tantissimo, si sentiva come un re, mentre ora che lei non fa più parte della sua vita, lui “non è più nessuno”. Utilizzando molte più parole e a modo suo, Ntò dice più o meno la stessa cosa, ma ha l’aria tutt’altro che arresa, anzi, minaccia la persona con cui lei adesso si frequenta.

senza e te copertina brano nto

Testo Senza e Te di Ntò

Download o ascolta su: Amazon – Ascolta su Apple Music

[Ritornello: Marco Calone]
Je me sentevo nu re
Ma senza e te nun soí niente
Nun te vulevo chiammà
Ma nun c’a faccio, me manche
Je me sentevo nu re
Ma senza e te nun soí niente
Nun te vulevo chiammà
Ma nun c’a faccio, me manche

[Strofa 1: Ntò]
Nun voglio ascì cu o Porsche e nun rispongo ë femmene
Vogl e cosce attuorní o cullo ca mí astregneno
Ogni posto míarricorda qaunno stevemo
Azzeccati ncullo odio sti telefoni
Sapè che te piace, chello ca te miette
Si vieste elegante a sera quanno jesce
Sento ca me chiamme, ancora pare aiere
Sbadigliavo colazione dint o lietto

Quanno è assaje ca nun te veco
E sto ngopp a tangenziale
Sbaglio apposta nun te nego
Jesco sempe addu staje e casa
Pecché si nu pensiero ca abbrucia
Comm e frate ca nun vide cchiù
Purtate int a na machina blu
Nun è maje cchiù capitato accussì
E vetri appannati nta na Q5
Nun aspettò assettata dint a na cucina
Dince a chillo ca staje cu ‘na cugina
Mica nun e’ ditto maje na bucia
Chisti sentimenti nun anna murì
Dimme sule si te manco purí je
Me vu dint, te staje piglianno in giro

[Ritornello: Marco Calone]
Je me sentevo nu re
Ma senza e te nun soí niente
Nun te vulevo chiammà
Ma nun c’a faccio, me manche
Je me sentevo nu re
Ma senza e te nun soí niente
Nun te vulevo chiammà
Ma nun c’a faccio, me manche

[Strofa 2: Ntò]
Nun dicimmo chello ca vulessemo
L’ammore pare na debulezza
Nun simme abituati a na carezza (No)
Pecchè nisciuno ci ha dato niente (No)
Tranne nu giubbino antiproiettile
Tu si piccerella comme a 7
Ma fai male, pu accidere o stesso (Pa-pa)
Canti quanno te spremm o grilletto (Si)
Picciù e finti guappi fujeno da te
E dint e tarantelle nun tí aizen a terra
Ratta-tta-tta-tta-tta-tta-tta dint o spurtiello
Vatt’ a accattà nata borsa e Chanel
Na mazzetta e sorde dint o reggipetto
Ca stanno seimila e o chirurgo t’aspett’
Líoran dí Hermes o tiene tu sule
A femmena mia La Reina del Sur
Dince a chillu scemo si a mia e de nisciuno
O faccio duje buchi nun o faccio aiz cchiù
Mantieneme o fierro ca simme sagliuti
Facimme duje figli o Signore ci aiut’ (Amen)
Si vuò cumannà serve o cunsiglio
Si è p tutt a vita damme o dito
Contr a gelusia sule nu si

[Ritornello: Marco Calone]
Je me sentevo nu re
Ma senza e te nun soí niente
Nun te vulevo chiammà
Ma nun c’a faccio, me manche
Je me sentevo nu re
Ma senza e te nun soí niente
Nun te vulevo chiammà
Ma nun c’a faccio, me manche