Rocco Hunt – Vieni con me: video ufficiale e testo

0

 

vieni-con-me-videoclip-hunt

Vieni con me è il titolo del nuovo singolo del rapper 19enne Rocco Hunt, terzo estratto dall’album ‘A Verità, pubblicato lo scorso 25 marzo, che non poche soddisfazioni ha dato al vincitore di Sanremo 2014 Nuove Proposte.

Il brano Vieni con me, è entrato in rotazione radiofonica venerdì 16 maggio, e fa seguito al pezzo sanremese Nu juorno buono, ed a Tutto resta.

Con la pubblicazione di questa canzone, prodotta da Takagi e Ketra, l’artista salernitano ha festeggiato il Disco d’Oro: il disco ‘A Verita, è infatti riuscito a piazzare oltre 25mila copie, e non poteva essere altrimenti, visti anche gli ospiti dell’opera (Clementino, Noyz Narcos, Madman, Gemitaiz, Ensi, Enzo Avitabile, Eros Ramazzotti e Federico Zampaglione dei Tiromancino per citare i più celebri).

Di seguito, potete vedere il video ufficiale caricato pochi minuti fa nella pagina Youtube del cantante. Nel filmato di Vieni con me, Rocco parla ancora una volta del Sud, nello specifico della città natale Salerno. Le immagini mostrano infatti la Stazione ed il Golfo di Salerno. Vediamo questo video (è stato spostato ad inizio articolo), che riesce a trasmettere semplicità, gioia ed allegria. Appena dopo potete leggere le parole dell’inedito.

Testo Vieni Con Me – Rocco Hunt
Vieni con me che ti porto dove sono nato,
nel posto che mi ha reso un uomo e mi ha educato.
Sono cresciuto qui, sotto questo porticato
e per me poter viaggiare pensa quanto bello è stato.
Tu guardi fisso il mare,
per te non è normale,
Averlo qui a due passi e vederci il sole tramontare.
I bambini con i castelli di sabbia
insegnano agli adulti a distruggere i castelli di rabbia.
Il vento in faccia sullo scooter,
la macchina di amici col subwoofer,
brindiamo alla salute.
Vien cù me, che ancora non hai visto niente.
Stasera lungomare, man e man n’miez a gente.

Vieni con me
ca te port int a nu post assaj cchiù bell verè
Abbracciat a riva e mare guard e stell e carè
con te ho fatto un’eccezione,
nun chiur l’uocchi quando bacio a na guaglion
Vieni con me
ca te port int a nu post ca nun può mai sapè
dove nessuno può sentire e a gente nun pò verè
con te ho fatto un’eccezione,
comm vuless ca nun ferness sta stagione.

Guagliò, guagliò.
Guagliò, guagliò.

Che tranquillità,
cellulari spenti e cuori aperti
spegni i social ed accendi i sentimenti
era più bello da bambini,
spensierati ed innocenti
e ch ce pozz fà,
rimpiango spesso i vecchi tempi.
Vieni con me,
stasera cena, ti porto in costiera
niente lume di candela, il cielo già fa scena.
Quando ti parleranno male del mio sud
tu rinnega tutto e falli scendere quaggiù
E spegni la tv,
tutte quelle parole non ci toccheranno più
bruciano col sole, un salto nella tradizione,
nun ce sta paragone.
E andiamo dai miei amici,
sent già nu buon addor.
E non ridere quando parlo in dialetto
è una lingua per l’Unesco
quindi porta più rispetto.
Questa gente non ha niente,
però sorride sempre,
e se non parlo col dialetto,
a stì person chi e difend?

Vieni con me
ca te port int a nu post assaj cchiù bell verè
Abbracciat a riva e mare guard e stell e carè
con te ho fatto un’eccezione,
nun chiur l’uocchi quando bacio a na guaglion
Vieni con me
ca te port int a nu post ca nun può mai sapè
dove nessuno può sentire e a gente nun pò verè
con te ho fatto un’eccezione,
comm vuless ca nun ferness sta stagione.