Nancy Coppola – Si te veco ancora: video ufficiale e testo

0


Il testo, l’audio e il video ufficiale che accompagna Si te veco ancora, singolo di Nancy Coppola disponibile da domenica 8 dicembre 2019 e al momento non reperibile nei digital store.

Nella nuova bellissima e contagiosa canzone, scritta da Rolando Riera e arrangiata da Carmine liberati, la cantante partenopea classe ’86, canta la sofferenza scaturita da un amore che sembra ormai finito: lui sembra stia insieme a un’altra e se lei dovesse per caso vederli, farebbe finta di nulla e fingerebbe di star bene, ma in realtà il suo cuore è completamente a pezzi e darebbe l’anima pur di tornare insieme a quest’uomo.

Anche il filmato diretto da Gianluca Allotta è molto bello e interessante, in quanto è un po’ una fotografia di quel che sentiamo nel testo del brano, in cui tantissimi ascoltatori possono tranquillamente ritrovarsi.

Link Sponsorizzati

nancy coppola SI TE VECO ANCORA frame video

Si te veco ancora testo

Cchiù te pens’ e cchiù tuttò è sbagliat
me raccont sul io ca’ è firnut
ma pecché a sti bujie non ce crer
e ca’ fa si tra nuje ancora sent
ca’ quaccos ce può sta….
riman’.

Quant vot io scrivess “me manchi”
m cu te so sicur’ sta chella
ca’ into letto te vasa e te spoglia
e ti si accagn o’ postò soje ppe sta cu tte
e de te dà l’anim

Ma si te veco ancora torno a ce sta male
e rint a stu male truov tutto o’ bbene
forse a colpa è sul e chistu sciem e core
ca’ nun si rassegn e vols co’ pensier
non me so stordat ancora i chillu vas
dato rinta chella macchin annascus
si tornass aret e la fermass o tiemp
mentre me perdess insieme a te pp sempr.


E si te veco ancora e staje insiem a chill’altr
faccio finta e niente arretà na’ risata
e si nun o’ sape ca’ io ppe te ci mor
ca stu core insieme a te facess ammore
e ch’ me n import pure si è sbagliat’
si ij vad’ all’infern è pecchè stu peccat
Dio nun me perdon e forse av’ ragione
me vendess l’anima pe te purtà cu mme.

Ppe te ha già guardat’ o primm’ ammore
la prima storia o primo innamurate
tu forse chesto nun l’aie maje capit’
me hai prestat na mezzor o core e poi senza pietà
t l’hai pigliat’.

Ma si te veco ancora torno a ce sta male
e rint a stu male truov tutto o’ bbene
forse a colpa è sul e chistu sciem e core
ca’ nun si rassegn e vols co’ pensier
non me so stordat ancora i chillu vas
dato rinta chella macchin annascus
si tornass aret e la fermass o tiemp
mentre me perdess insieme a te pp sempr.

E si te veco ancora e staje insiem a chill’altr
faccio finta e niente arretà na’ risata
e si nun o’ sape ca’ io ppe te ci mor
ca stu core insieme a te facess ammore
e ch’ me n import pure si è sbagliat’
si ij vad’ all’infern è pecchè stu peccat
Dio nun me perdon e forse av’ ragione
me vendess l’anima pe te purtà cu mme
pe te purtà cu mme
e ch’ me n import pure si è sbagliat’
si ij vad’ all’infern è pecchè stu peccat
Dio nun me perdon e forse av’ ragione
me vendess l’anima pe te purtà cu mme
pe te purtà cu mme.




Ascolta su: