Peppe Soks & Geolier duettano in “Motel”: leggi il testo della canzone

0

I rapper campani Peppe Soks & Geolier hanno unito le forze in Motel, contagiosa terza traccia inserita nel nuovo album Stella del Sud, uscito venerdì 4 dicembre 2020 per la label AR.MS. Empire, a quasi 5 mesi di distanza da Secret Tape.

Ascolta e leggi il testo di questa bella e coinvolgente canzone, una possibile ennesima futura hit di Giuseppe De Luca (il vero nome di Soks) scritta a quattro mani dagli interpreti e prodotta da Raffaele Giannattasio, alias Janax.

Anticipato da Io & Te, bel brano rilasciato il precedente 23 ottobre, l’album è composto da 14 inediti e importanti collaborazioni con artisti come Boro Boro, Rémy & Vaz Tè, Lele Blade, Franco Ricciardi, Skinny e Alfa. «Le tracce d’amore sono per la mia terra, per mia madre, per la mia ragazza e per la mia musica, che non mi ha mai abbandonato durante questo cammino» ha affermato il rapper salernitano classe 1997.

copertina album stella del sud

Testo Motel – Peppe Soks

downloadDownload su: Amazon – Ascolta su: Apple Music

Nun è overo nient, ch n sape a gent, f”e parlà cu’mmé
J-J-Janax

[P. Soks]
Sta passann ‘o tiempo
Staje cuntanno ‘e juorn, staje penzanno a me
T’hê astipat ‘e vase ca t’ha dato chill rint a nu motel
Nun è overo nient, ch n sape a gent, f”e parlà cu’mmé
E facesse ampresso pe cagnà o passato, ma nun se torna aret

[Peppe S.]
Saccio mo che se prov
So passato da nu mezzo a nu Benz nuovo
E mo ca te sto cercann, ma nun te trov
Pecciò mo te sto pensann ‘ncopp a ‘sti note
E m’arricorde eri abbracciat vicino ô muro
Ja, mo astrigneme cchiù forte, lieva e paur
Pecché tu sî cchiù importante de dische d’or
So passate cchiù e diece anne e te vogli’ ancora
Pcché si tu prumiett ca ropp a me nisciun cchiù
Je te prumetto ca ce penz je, n’avè paur
Chello ca vonn esser ‘tte quante simmo je e te
Sî comm a na droga, senza e te nun pozz sta
Pur se nun ce stongo, stuta e luce e pienz a me
Pcché dint e suonne e notte corro a t’abbraccià

[Geolier]
Sta passann ‘o tiempo
Staje cuntanno ‘e juorn, staje penzanno a me
T’hê astipat ‘e vase ca t’ha dato chill rint a nu motel (rint a nu motel)
Nun è overo nient, ch n sape a gent, f”e parlà cu’mmé (f”e parlà cu’mmé)
E facesse ampresso pe cagnà o passato, ma nun se torna aret

[Peppe S.]
Sta passann ‘o tiempo
Staje cuntanno ‘e juorn, staje penzanno a me
T’hê astipat ‘e vase ca t’ha dato chill rint a nu motel
Nun è overo nient, ch n sape a gent, f”e parlà cu’mmé
E facesse ampresso pe cagnà o passato, ma nun se torna aret

[Geolier]
M’arricordo quanno hê ditto: “So felice”
Certi cose e tiene adinto e a maggio’ patt nun e dic
T’aggia fatt na sorpresa, stongo abbasce, quanno scinne?
Cetti cos l’omm e fa, ropp fatt po t”e dice
Zompo in aria quanno chiagne pecché chillo piglia e ngrippe
Ma sî tu che staje sbagliann, rimm pcché nun c”o dic
Tu giur, nun c”a facc, quale tard, megl primm
Canciellete stu nummero, megl ca’n ce sentimm
E mo spuogliet ancor, mor quando ric ‘e no
‘Stu lietto è fatt pe chest, te caccio, aropp t cerco, ma
A fianco a te nu dorm, ‘o tiempo è poco, ma che vuò da me?
Sî malatia pe sta gente e o sacc ca song infett, ma

[Geolier]
Sta passann ‘o tiempo
Staje cuntanno ‘e juorn, staje penzanno a me
T’hê astipat ‘e vase ca t’ha dato chill rint a nu motel
Nun è overo nient, ch n sape a gent, f”e parlà cu’mmé
E facesse ampresso pe cagnà o passato, ma nun se torna aret

[Peppe Soks]
Sta passann ‘o tiempo
Staje cuntanno ‘e juorn, staje penzanno a me
T’hê astipat ‘e vase ca t’ha dato chill rint a nu motel
Nun è overo nient, ch n sape a gent, f”e parlà cu’mmé
E facesse ampresso pe cagnà o passato, ma nun se torna aret

[P.Soks]
Sta passanno ‘o tiempo
Staje cuntanno ‘e juorn, staje penzanno a me
T’hê astipat ‘e vase ca t’ha dato chillo rint a nu motel

[Geolier]
Nun è overo niente, che ne sape ‘a gente, f”e parlà cu’mmé
E facesse ampresso pe cagnà o passato, ma nun se torna aret