Marco Carta torna con Mala Suerte: audio e testo del singolo

0

Il cantante sardo Marco Carta torna con Mala Suerte, nuova canzone rilasciata venerdì 14 maggio 2021 per Exess Records, a sei mesi dall’ultima release Domeniche Da Ikea. Dallo stesso giorno, il singolo è anche on air.

Il testo e l’audio di questa coinvolgente canzone, scritta da Alessandro Guerra, Mattia Cavallari e Mirko Balducci; le musiche sono opera di Alex Gregorini e Mauro Pilato; la produzione è stata curata dallo stesso Pilato e Antonino Angemi, disc jockey e compositore catanese classe 1996, che una certa popolarità anche all’estero.

L’artista cagliaritano torna alla ribalta con questa convincente canzone, anche se differente dai suoi precedenti lavori, nei quali ci aveva abituato a cantare il pop nella sua maniera più pienamente romantica. Qui, invece, Marco propone un brano in cui il reggaeton si miscela perfettamente con l’elettronica e il pop, raccontando il desiderio di evasione che colpisce quando non si ha il coraggio accettare che l’amore è ormai finito.

copertina brano mala suerte by marco carta

Testo Mala Suerte di Marco Carta

Ascolta su: Apple Music

Mala suerte, mala suerte
mala suerte, mala suerte

Ora è tardi e bisogna andare
anche se il primo bacio non tutti lo san dare
il nostro fu spettacolare
anche se l’ultimo fa male

Mala suerte, mischio le hierbas
in questa playa dove il cuore non serve
mala suerte, mala suerte

E la paura che la notte quando scende
ci sfiora l’anima ma con mani diverse
come non fossimo le nostre di sempre
se non è amore, amor, cos’è?

Mala suerte, mala suerte
mala suerte, mala suerte
mala suerte, mala suerte
mala suerte, mala suerte

Cos’è che mi prende quando ti guardo?
E’ che mi sento diverso
è solo il tempo, il tempo che passa
e a noi ci passa attraverso

Il nostro amore è un bel film
con una storia e un gran finale
una di quelle da lacrimare
non so distinguere il bene dal male
per non morire, ricominciare, come ogni lunedì

Ancora tu
non mi sorprende lo sai
è che la noia ci ha distrutti
e non mi sorprendi mai

Ci sono anime di piombo, che cosa resta?
Se non una bambola bella e un uomo di cartapesta
ho tolto il like, ho tolto il cuore dal posto
e ho messo il cuore al suo posto

Mala suerte, mischio le hierbas
in questa playa dove il cuore non serve
mala suerte, mala suerte

E la paura che la notte quando scende
ci sfiora l’anima ma con mani diverse
come non fossimo le nostre di sempre
se non è amore, amor, cos’è?

Mala suerte, mala suerte
mala suerte, mala suerte
mala suerte, mala suerte
mala suerte, mala suerte

Guardo il tuo sorriso in quella foto da bambina
ti somiglia da vicina ma non sei più tu
ti ho scattato quella foto una mattina
l’acqua cristallina, il mare mi ricorda te, non vado più

Dimmi dove sei quando non ci sei?
Prima eri un girasole, adesso cosa sei?
Ero il tuo sole, non ti bacio più
non mi guardi in faccia, stai cercando il cuore e guardi solo giù

Mala suerte, mischio le hierbas
in questa playa dove il cuore non serve
mala suerte, mala suerte

E la paura che la notte quando scende
ci sfiora l’anima ma con mani diverse
come non fossimo le nostre di sempre
se non è amore, amor, cos’è?

Mala suerte, mala suerte
mala suerte, mala suerte
mala suerte, mala suerte
mala suerte, mala suerte

E adesso che un bacio vero perde il senso
ci ha segnato come guai al tempo nel tempo
e adesso chi ha lottato per avermi diverso
e che all’amore ho dato solo il sesso
e con noi ha fatto il giro inverso
e con noi ha fatto il giro inverso

Mala suerte, mischio le hierbas
in questa playa dove il cuore non serve
mala suerte, mala suerte
(mala suerte, mala suerte)

Ascolta su: