Gianluca Capozzi, I miei limiti: testo e video (nuovo singolo)

0

Dal 21 aprile 2015 è disponibile su iTunes e tutti gli store digitali il nuovo singolo di Gianluca Capozzi intitolato I miei limiti.

Il cantautore partenopeo torna alla ribalta con questa bella canzone, che anticipa l’uscita del nuovo disco ancora senza titolo e data di rilascio, che farà seguito al precedente Tra le cose che ho uscito a fine gennaio 2014.

La nuova canzone è stata prodotta dalla Rosso Al Tramonto e scritta dall’interprete, insieme al fratello Massimiliano, che da sempre collabora con il cantante.

Si tratta di un pezzo pop, nel quale l’artista esprime dolci parole nei confronti della persona che ama.

Prossimamente sarà possibile vedere il video ufficiale ambientato a Napoli, diretto da Claudio D’Avascio, che in passato ha lavorato con artisti del calibro di Neffa e Raf.

In attesa del videoclip, potete ascoltare l’audio integrale cliccando sull’immagine in basso, dopo la quale trovate le parole che compongono l’inedito.

I-miei-limiti-Gianluca-Capozzi

Testo I miei limiti – Gianluca Capozzi (Digital Download)

[Verso 1]
Tutto è… come deve
niente pioggia o neve
ne vento che trattiene
rido… sto già bene
so come cadere
ed ho imparato come
proprio da te

[Pre-Ritornello 1]
È rinascere… dalla cenere
ogni fine è… una nuova origine

[Ritornello]
Di notte il silenzio pronuncia il tuo nome
svelandomi… i miei limiti
non passerà giorno in cui non avrò voglia di stringerti
di riaverti qui
mentirò… a me stesso e a chi incontrerò

[Verso 2]
Senza… far rumore
cadono parole
petali da un fiore
come un sole che
sa rinascere
la tua fine è
la mia nuova origine

[Ritornello 2]
Di notte il silenzio pronuncia il tuo nome
svelandomi… i miei limiti
non passerà giorno in cui non avrò voglia di stringerti
di riaverti qui
mentirò, a me stesso e a chi incontrerò
di te avrò sempre una dose nel sangue che non smaltirò
nella mia mente un passato presente
ogni volta che per non pensarti ti ripenserò
non passerà giorno in cui non avrò voglia di stringerti
di riaverti qui
mentirò, a me stesso e a chi incontrerò