Enrico Nigiotti – Nel silenzio di mille parole: guarda il video con Matilde Gioli (testo)

0

copertina-Nel-silenzio-di-mille-parole-nigiotti

In data 9 marzo 2018, il cantautore livornese Enrico Nigiotti ha reso disponibile in streaming e digitale il nuovo singolo “Nel silenzio di mille parole”, giorno dal quale viene anche trasmesso dalle emittenti radiofoniche nazionali.

Dopo la fortunata partecipazione a X Factor 2017 nella categoria Over 25 guidata da Mara Maionchi, dove ha presentato l’inedito “L’amore è” che gli ha consentito di arrivare alla finale del talent show e con il quale ha conquistato un disco di Platino, Enrico propone ai sempre più numerosi fan questa dolcissima canzone, caratterizzata da tinte elettriche e parole cantate quasi sottovoce.

Pochi semplici accordi suonati dalla chitarra elettrica colorano tutto questo pezzo, sostenendo un intimo e semplice testo, tramite il quale Nigiotti esprime la necessità di stare più spesso a contatto con la donna che ama, nel filmato incarnata dall’attrice e modella milanese Matilde Gioli.

Il video ufficiale è stato diretto da Giacomo Triglia, è disponibile da martedì 13 marzo e potete vederlo su Youtube cliccando sull’immagine.

Testo Nel silenzio di mille parole

(DownloadAudio)

Nel silenzio di mille parole,
c’è chi sogna senza fare rumore
E adesso non lo so che cosa voglio fare…
Penso al tuo dolce modo di dormire,
al tuo corpo fatto di limone
Io che ti aspetto in un bicchiere
o in qualche stupida emozione che mi fa soffrire.

Nel silenzio di mille parole,
mi torni in mente come fosse un dovere,
Sorridi ancora o no?
Hai smesso di giocare?
Io invece ho voglia di fare l’amore,
portarti a cena dove si può fumare
Poi ci penso e non conviene,
chissà che comoda occasione per provarti a dire:

Amo te, amo te
Non importa se fa ridere
Amo te, amo te e amo te
Non importa se è impossibile
Se siamo sempre quelli li
che si amano da farsi male
Spietati come quelli li
che tornano per poi scappare
E scappa ancora più veloce

Nel silenzio di mille parole,
Mi sento nudo se non sento il tuo odore
Ritorni almeno un po’,
sei sempre a lavorare!?!
Prendi le ferie che partiamo ad Aprile
C’è poca gente e costa meno viaggiare
Ma poi ci penso e non conviene…
Chissà che comoda occasione rivederti e dire:

Amo te, amo te
Perché credo nelle favole
Amo te, amo te e amo te
Ma chi ha detto che è impossibile?!
Se siamo sempre quelli li
che si amano da farsi male
Curiosi come quelli li
che sbagliano per poi trovare
E corri ancora più veloce…
E dammi addosso la tua voce…
In questo stupido silenzio dove non c’è realtà

Nel silenzio di mille parole,
tra tanta gente vedo ancora il tuo nome
E adesso non lo so che cosa voglio fare
C’è chi dice che è meglio dormire,
perché la notte fa dimenticare
Ma resto sveglio ad aspettare
con questa stupida canzone e tutto da rifare.