Emis Killa – C’era una volta + Lo sanno i veri (intro): video ufficiale + testo

0

Il rapper Emis killa ha rilasciato il videoclip che mette insieme due canzoni quali Lo sanno i veri e C’era una volta: la prima è una traccia introduttiva mente la seconda un pezzo vero e proprio. Entrambi saranno inclusi nel nuovo progetto discografico Keta Music Vol. 2, disponibile in free download nel sito web di Emis Killa.

Con il brano Lo Sanno I Veri, il rapper gareggerà al Coca Cola Summer Festival 2015, che si svolgerà a Roma il 25, 26, 27 e 28 giugno 2015. In esso Killa non risparmia dissing nei confronti dei rappers che si definiscono tali, ma che poi vanno in televisione e fanno tutt’altro in nome dei soldi. Emis si riferisce ai giudici di The Voice ed X Factor J-AX e Fedez, ma anche a Briga e Moreno Donadoni.

Per vedere su Youtube il video ufficiale che accompagna i due brani cliccate sull’immagine sottostante.

cera-una-volta-video-emis-killa

Testo C’era una volta – Emis Killa

Yeah!
Per quanto possa amare il rap
il passato è un flashback
non posso ritornare ad esser quello di Check Check
Back In The Days, Aigor schiaccia rec,
nuova traccia su MySpace, canna d’erba in mano, birre e partite alla play
nei ricordi miei, jam e graffiti
muri e Intercity e macchie di vernice sui vestiti
i 15enni di oggi parlano di hip hop online
io a 15 anni ero al muretto al freddo con il ghetto blasta a far freestyle
quanti viaggi senza biglietto, un pò diversi da oggi
io pieno di piercing, Fedez senza i tatuaggi e le serate al Leoncavallo
l’open mic al venerdì, schiaffi sopra al palco, a terra mc
tutto ciò mi manca sì la verità è che amo l’hip hop
non ti permettere a dire il contrario perché ora mi vedi al top
sbattere il c*zzo in queste escort
sbattersene il c*zzo del resto
io solo so fra quanto c*zzo mi sbatto per questo

Questa va alla gente vera che ci resta
quanti vermi ho attraversato sopra quel bum cha
quanti treni ho cavalcato per l’Italia su e giù
qualche treno a volte passa e non ritorna più
la mia vita gira a tempo ormai da anni è così
il mio cuore batte ancora ma è rimasto lì
tra la weeda e gli amici che non vedo da un po’
c’era una volta un rapper e un microfono

Notti insonni con la penna in mano
sentirvi parlare di studio mi fa strano
se penso a me che registravo con mia mà in salotto sul divano
mi diceva “Emiliano domani mi alzo se stanotte registri fai piano”
è strano come vanno le cose nel giro di un anno
cambiano e com’eran prima, mai ritorneranno frà
se penso a com’è andata con alcuni dei miei miti
prima idoli, dopo colleghi ed infine nemici
c’est la vie, chiedi a Giso e Telaviv da dove siam partiti
palchi scarsi, impianti-auto marci, demoliti
caz*o credi boy
prima delle hit ho fatto i tape
nel gioco dal 2006 emerso tra 2000 fake
questa va a chi c’era e sa
che sul beat ho rotto il c*lo alla metà di quelli che hai scoperto a Spit Blocco Recordz
quando ripenso a quella volta
la mia storia inizia così, c’era una svolta

Questa va alla gente vera che
ci resta quanti vermi ho attraversato sopra quel bum cha
quanti treni ho cavalcato per l’Italia su e giù
qualche treno a volte passa e non ritorna più
la mia vita gira a tempo ormai da anni è così
il mio cuore batte ancora ma è rimasto lì
tra la weeda e gli amici che non vedo da un po’
c’era una volta un rapper e un microfono.

Testo Lo Sanno I Veri (intro) – Emis killa

Quant’è è vero Killa lo sanno i veri, 10 anni di sta mer*a mica l’altro ieri, non è che sei underground se ascolti i neri, quando ho iniziato tipo tu non c’eri e chissà dove caz*o eri (zio), cresciuto con la muffa sul soffitto venuto fuori dalla merda tipo apocalypto, quindi non credo alla storia di tuo cugino che è un fenomeno e che spacca cinque volte me, ma in giro non lo conoscono e io non dimentico che sono stron*o non farlo neanche tu, che a bestemmiare un Dio prima o poi viene giù, piccoli rapper sfottono i capi del rap è tipo la primavera che sfotte la serie a (beh), godo rispetto dei pioneri di quelli di strada, chiedilo a bassi maestro chiedilo a John montana, questo flow ti scrocchia tu che minchia rappi non puoi fare il libanese se sei scrocchia zeppi. Con questa mer*a mai fatto brutte figure ed lover me lo può succhiare e questi hater pure, sti giornalisti frustrati che odiano il mio lavoro se i loro figli ascoltano più me che loro, tu sognavi un disco d’oro ed hai floppato (asino!) io stò al secondo platino (culo?) mi sà di no, vuoi essere al mio posto e non ti biasimo, sta penna ti buca come quella di Joe Pesci in casinò.

(Emis KiKilla….. non rappo puttanate non sò come fate voi)
(Questo è Killa……. altro anno fuori, altro anno al top!)