Il testo, la traduzione e il significato di “Bezos I e II” di Bo Burnham

0

Bezos I è la settima traccia del quarto album di Bo Burnham, Inside (The Songs), uscito il 10 giugno 2021. Ricordo che questo disco è tratto dal suo speciale Netflix (maggio 2021). Il testo, la traduzione in italiano e il significato del brano, incluso quello del sequel Bezos II.

copertina album Inside (The Songs)

Bezos I Testo Bo Burnham

downloadDownload su: Amazon – Ascolta su: Apple Music

Lyrics

CEO, entrepreneur
Born in 1964
Jeffrey
Jeffrey Bezos
CEO, entrepreneur
Born in 1964
Jeffrey
Jeffrey Bezos

Come on, Jeffrey, you can do it
Pave the way, put your back into it
Tell us why, show us how
Look at where you came from, look at you now
Zuckerberg and Gates and Buffett
Amateurs can fucking suck it
Fuck their wives, drink their blood
Come on, Jeff, get ‘em!

[Synth Solo]

(*Screams*)

Bezos I traduzione

[Coro]
CEO, imprenditore
Nato nel 1964
Jeffrey
Jeffrey Bezos
CEO, imprenditore
Nato nel 1964
Jeffrey
Jeffrey Bezos

[Versetto]
Forza Jeffrey, puoi farcela
Spiana la strada, metticela tutta
Dicci perché, mostraci come fare
Guarda da dove sei venuto, guardati adesso
Zuckerberg, Gates e Buffett
Dilettanti a cui fai un baffo
Fan*ulo le loro mogli, bevi il loro sangue
Avanti, Jeff, prendili!

[Assolo di synth]

(*urla*)

Il significato Bezos I e Bezos II

La canzone prende in giro il CEO di Amazon, Jeff Bezos, per la sua ricchezza apparentemente infinita ed ha un seguito battezzato “Bezos II”, in cui si sente “Jeffrey Bezos / You did it! (ce l’hai fatta) / Congratulations!”.

Nel brano, scritto e prodotto dallo stesso Bo Burnham, il comico, attore, cantautore, sceneggiatore e regista statunitense mette in dubbio il fatto che Jeffrey era povero e che il suo successo con Amazon sia iniziato da un garage, visto che un articolo di Business Insider del luglio 2018, ha rivelato che negli anni ’90, i suoi genitori hanno investito circa 250.000 dollari nella sua azienda e che il nonno materno era anche proprietario di un ranch di 25.000 acri a Cotulla, nel Texas, mettendo quindi in chiaro che la sua famiglia non faceva esattamente parte della classe operaia.

Burnham cita altri paperoni americani come il Mark Zuckerberg (CEO di Facebook), che ha un patrimonio netto stimato di 123 miliardi di dollari, il fondatore di Microsoft, Bill Gates, che ha un patrimonio netto stimato di 127 miliardi di dollari, e l’imprenditore, economista e filantropo statunitense Warren Buffet, che ha un patrimonio netto stimato di 101 miliardi di dollari. Bezos tuttavia li batte tutti piuttosto nettamente, con un patrimonio netto di 196 miliardi di dollari.

Nel seguito Bezos II, l’artista continua a ironizzare sul CEO di Amazon, congratulandosi con lui per essere diventato nel 2018 l’uomo più ricco del mondo. Amazon è stata pesantemente criticata sia per lo sfruttamento dei suoi lavoratori (alla fine della canzone si sentono le urla, che possiamo attribuire a loro quando ricevono la loro “misera” paga) che per la conseguente eliminazione della concorrenza, in special modo le piccole imprese, che non possono di certo competere con l’azienda di commercio elettronico statunitense più famosa al mondo.

Vedi anche: il testo e la traduzione di “All Eyes On Me” di Bo Burnham.