Sal Da Vinci – Viento: guarda il video del nuovo brano

3


frame video viento

Viento è una meravigliosa canzone di Sal Da Vinci, che sta letteralmente facendo innamorare i numerosi fan: il testo del brano, il cui video è online da venerdì 22 maggio 2020, mentre dal 29 maggio il singolo sarà anche disponibile piattaforme digitali (audio) e in digital download.

Scritta a quattro mani con Vincenzo D’Agostino e arrangiata da Adriano Pennino, questa poesia, che parla di una storia d’amore trasportata dal vento, sarà racchiusa in un futuro album di Salvatore Michael Sorrentino, in arte Sal Da Vinci.

Link Sponsorizzati

Viento è una melodia senza tempo, una storia senza fine, un cuore nel passato e la ricerca a due passi dal cuore Sì, il posto migliore per raccontare i sentimenti, fuori alla porta del cuore che prima o poi qualcuno aprirà.” le parole del cantautore riguardo il nuovo singolo, che ha mandato in visibilio il web, in particolar modo gli internauti partenopei a dir poco entusiasti di questa gradevole release.

Sal Da Vinci – Viento testo

downloadDownload su: AmazoniTunes

Autori: Sal Da Vinci – Vincenzo D’Agostino.

Si ringrazia caldamente Carmine per le correzioni e per la traduzione.

Viento che passe currenno
spezzanno na pianta, gelanno ‘a città
passanno scite ‘e pensieri
ma addore ‘e sti vichi nun può cancellà
sti mure nere ponno raccontà
l’ammore ‘e tanto tiempo fa’

Viento che puorte ‘a paura
si ‘o cielo chiù scuro accummencia a tremmà
sta na fenesta appicciata
passanno pe sotto tu falla scetà
si, va ‘a fernì sempe accussì
vocca ‘e fuoco te piglia e te da
mentre pensa ‘e te lassà

Viento va’
si sta sulo essa tu nun fa rummore
fermate e accarezzala
se sta scetata falle sta’ masciata
io aspetto ancora fino a quanno ‘o core nun sa sonna chiù
viento va’
m’arraccumanno si nun sta durmenno e sta facenno ammore
si sempe ‘o viento fatte rispettà
però te prego, chello ca tu vide nun m’o raccuntà




Viento dimane rituorne
è quasi dicembre pe forza ce a sta’
‘o friddo allonga ‘e mumenti
si ‘e facce da gente m’a fanne pensà
si, va a fernì sempe accussì
vocca ‘e fuoco nun è ‘a verità
ma io ce credo c’aggia fa’?

Viento va’
dincello n’faccia si nun sta durmenno e sta facenno ammore
m’ha dato sempe ‘a vocca avvelenata
pecché è ‘a chiù infame ‘e tutte ‘e nnamurate
levame a pietto tutte ‘e sentimenti
nun a voglio tenè a mente
nun a voglio chiù pensà

Viento va’
parlace ancora chella ‘a te te crede famme stu’ favore
e senza scuorno dici ‘a verità
stu nnamurato è sempe nnammurato e nun s’a po’ scurdà


Traduzione

Torna al testo

Vento che passi correndo
spezzando una pianta, gelando la città
Passando svegli i pensieri
ma l’odore di questi vicoli non puoi cancellare
queste mura nere possono raccontare
l’amore di tanto tempo fa

Vento che porti la paura
se il cielo più scuro inizia a tremare
c’è una finestra accesa
passando da sotto tu falla svegliare
si, va a finire sempre cosi
bocca di fuoco ti prende e ti da
mentre pensa di lasciarti

Vento va
se è da sola tu non fare rumore
fermati e accarezzala
se è sveglia falle questa imbasciata
io aspetto ancora fino a quando il cuore non la sogna più
vento va
mi raccomando se non sta dormendo e sta facendo l’amore
sei sempre il vento, fatti rispettare
però ti prego, quello che tu vedi non raccontarmelo

Vento domani ritorni
è quasi dicembre per forza ci devi essere
il freddo allunga i momenti
se le facce della gente me la fanno pensare
si, va a finire sempre così
bocca di fuoco non è la verità
ma io ci credo che devo fare?

Vento va
diglielo in faccia se non sta dormendo e sta facendo l’amore
mi ha dato sempre la bocca avvelenata
perché è la più infame di tutte le innamorate
Toglimi dal petto tutti i sentimenti
non voglio tenerla a mente
non voglio più pensarla

Vento va
parlale ancora lei a te crede fammi questo favore
e senza vergogna dici la verità
questo innamorato è sempre innamorato e non la può scordare

Ascolta su: