Ron, Una città per cantare: testo della nuova versione (2016) inclusa nell’album benefico La forza di dire sì + video

0

E’ in radio il 3 e 4 marzo, la nuova versione di Una città per cantare, singolo di Ron inciso con la collaborazione di Arisa, Biagio Antonacci, Bianca Atzei, Checco dei Modà, Elio e Le Storie Tese, Emma Marrone, Francesco De Gregori, Francesco Renga, Gigi d’Alessio, Giusy Ferreri, Jovanotti, Loredana Bertè, Lorenzo Fragola, Luca Barbarossa, Lucio Dalla, Malika Ayane, Marco Mengoni, Mario Biondi, Max Pezzali, Nek, Niccolò Fabi, Pino Daniele e Syria, ovvero gli artisti  uniti per la lotta contro la SLA.

La versione 2016 di questa canzone, viene cantata coralmente dai citati artisti, che hanno offerto il loro contributo alla realizzazione dell’album di Ron, La Forza di Dire Si (Le Foglie e il Vento in collaborazione con F&P Group/Universal Music), in uscita il prossimo 11 marzo. A dieci anni dal disco “Ma quando dici amore”, Ron torna a sostenere la AISLA (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica) con questo progetto, anticipato da questo brano corale con tutti gli artisti partecipanti e Neri Marcorè.

La Forza di Dire Si è un doppio album contenente 24 duetti con grandi artisti della musica italiana, sulle note dei brani di Ron più conosciuti e 2 suoi brani inediti, “Aquilone” e “Ascoltami”. Tra i duetti proposti in questa nuova uscita discografica, spicca quello con Lucio Dalla sulle note di “Chissà se lo sai” e quello con Pino Daniele in “Non abbiam bisogno di parole”, un omaggio a due grandi e indimenticabili artisti che hanno fatto la storia della musica italiana.

Al momento non è purtroppo possibile farvi ascoltare la nuova versione del brano. Quando sarà disponibile non esiteremo ad inserire il link. Cliccando sull’immagine relativa al disco, accedete all’audio della versione del 1980.

Aggiornamento: qui il video.

la-forza-di-dire-si-album-cover-ron

Una città per cantare testo – Ron feat. Artisti Insieme Per La Lotta Contro La SLA (Digital Download)

Grandi strade piene
vecchi alberghi trasformati
tu scrivi anche di notte
perché di notte non dormi mai.

Buio anche tra i fari
tra ragazzi come te
tu canti, smetti e canti
sai che non ti fermerai.

Caffè alla mattina
puoi fumarti il pomeriggio
si parlerà del tempo
se c’è pioggia non suonerai.

Quante interurbane
per dire “come stai?”
raccontare dei successi
e dei fischi non parlarne mai.

E se ti fermi
convinto che ti si può ricordare
hai davanti un altro viaggio
e una città per cantare.

Alle ragazze non chieder niente
perché niente di possono dare
se il tuo nome non è sui giornali
lo si fa dimenticare.

Lungo la strada
tante facce diventano una
che finisci per dimenticare
o la confondi con la luna.

Ma quando ti fermi
convinto che ti si può ricordare…
hai davanti un altro viaggio
e una città per cantare.

Grandi strade piene
vecchi alberghi dimenticati
io non so se ti conviene
i tuoi amori dove sono andati.

Buia è la sala
devi ancora cominciare
tu provi smetti e provi
la canzone che dovrai cantare.

E non ti fermi
convinto che ti si può ricordare
hai davanti una canzone nuova
e una città per cantare.