Mameli – Serata Banale: audio e testo del nuovo singolo

0

Rilasciato venerdì 29 novembre 2019 tramite Hokuto Empire, Serata Banale è un singolo del cantautore indie-pop catanese Mario Castiglione, in arte Mameli, che arriva dopo il successo del duetto con Alex Britti sulle note di Anche Quando Piove, pubblicato lo scorso il 30 agosto.

Il testo e l’audio di questa interessante e gradevole nuova canzone, scritta a quattro mani insieme a Dario Torrisi, nella quale il 24enne riflette sul fatto che un po’ tutti facciamo sempre le stesse cose abitudinariamente e in maniera piuttosto noiosa, riflette sul vuoto interiore provocato dall’estrema semplicità e accessibilità che caratterizzano il nostro tempo, sul fatto che viviamo in una società che quotidianamente promette di avvicinarci l’un l’altro, ma in realtà la distanza sembra aumentare e con lei la nostra solitudine.

Il significato

Ce lo spiega lo stesso cantautore siciliano “Il mondo è cambiato. Ho 24 anni e credo di fare sempre le stesse cose. Sempre gli stessi luoghi d’incontro, gli stessi punti d’interesse. Viviamo di mode probabilmente, ma sono stanco anche di quelle. Mi chiedo se la mia generazione abbia vissuto precocemente troppe esperienze rispetto alla vecchia, o se è la superficialità quotidiana di cui ci nutriamo, a determinare noia. Sembra un film già visto…in realtà non lo è“.

copertina canzone Serata Banale

Mameli – Serata Banale testo

downloadDownload su: AmazoniTunes

Sai, possiamo pure dormire stanotte
o fare un giro come tutte le volte
ma ne ho viste già troppe
in fondo che me ne fo**e
e oggi sembra ieri
giocavo a calcio con i miei pensieri
noi due con due bicchieri, sopra i marciapiedi
gli occhi come crateri
allora forse resto a casa ed esco fuori di me.

Oggi guarderò il telegiornale
tanto tu di uscire non ne vuoi proprio sapere
serata un po’ banale
in mano il cellulare
da troppi giorni, amore, che mi sembra tutto uguale
io non lo rifarei.

Dai, restiamo al chiuso che fuori fa freddo
non sarei me stesso, con il traffico in centro, non ho voglia tecno
passami una cartina
vuoi diventare la mia coinquilina
fare l’amore in cucina, cicche nella lattina, dopo andare in rovina
mi sa che forse resto a casa ed esco fuori di me.

Oggi guarderò il telegiornale
tanto tu di uscire non ne vuoi proprio sapere
serata un po’ banale
in mano il cellulare
da troppi giorni, amore, che mi sembra tutto uguale
io non lo rifarei
io non lo rifarei.

E tutto quello che so di te
mi sembra così banale
che viaggi in alto mare…
ricominciamo a parlare
che già mi sento male
se a te sta bene così
così.

Oggi guarderò il telegiornale
tanto tu di uscire non ne vuoi proprio sapere
serata un po’ banale
in mano il cellulare
da troppi giorni, amore, che mi sembra tutto uguale
io non lo rifarei
io non lo rifarei
io non lo rifarei.


Ascolta su: