Joan Thiele – Le Vacanze: audio e testo

0

Leggi il testo e ascolta Le Vacanze, singolo di Joan Thiele uscito il 5 luglio 2019 via Polydor Records / Universal Music Italia.

Gli autori della canzone sono Nicola Albera e la stessa Joan, mentre la produzione è opera di Zef.

copertina singolo Le Vacanze

Le Vacanze Testo Joan Thiele

downloadDownload su: AmazoniTunes

Sono fatta
proprio fatta così
fumo blu poi
vedo il mare accecarmi un po’.

E’ successo un’altra volta
sono ricaduta dentro l’acqua ma tu mi hai raccolta
sono andata controvento
cercavo di salpare sulla barca e navigavo a stento
circondata dalle onde
io mi arrampicavo su quegli alberi cercando sponde
ballavo in fondo al mare
pensavo fosse più facile poi
potere risalire
ma poi ti ho vista arrivare
tu mi vieni a salvare
tu mi vieni a salvare
da me, da me, da me.

Io ci sarò
se mi chiami io ti rispondo
prendo un aereo dall’altra parte del mondo
io ci sarò
se mi chiami io ti rispondo
prendo un aereo dall’altra parte del mondo.

Si lo so
sono proprio un bel casino
rivedrò la vista dal sottomarino
non ho più paura di me
da quando sono sola con me
e quando guarderò
il cielo da un oblò
viaggerò nel tempo per raggiungermi ancora un po’.

Io ci sarò
se mi chiami io ti rispondo
prendo un aereo dall’altra parte del mondo
io ci sarò
se mi chiami io ti rispondo
prendo un aereo dall’altra parte del mondo.

Da come tutto cambia facilmente
se poi mi butto giù
e so lottare ancora
e so lottare ancora di più
e come tutto cambia facilmente
se poi mi butto giù
io non tengo miedo
e so lottare ancora di più.


Ascolta su:

Joan Thiele riguardo la canzone:

“Le vacanze”, sono la ricerca di sé, attraverso i ricordi di un film, un film di famiglia. Era luglio dell’anno scorso quando casualmente, durante un trasloco, scopro in casa di mio padre una vecchia scatola di latta contente dei film super8 degli anni 50 appartenenti alla mia famiglia, mai sviluppati. Avviene così la magia. Mio nonno aveva inventato un dentifricio proprio in quegli anni e decide, poco dopo, di vendere il brevetto e partire per un viaggio, un viaggio che durerà vent’anni. Questi film raccontano “Le vacanze” della mia famiglia, dalla Svizzera al Sud America, da New York, fino all’Italia. Vacanze incredibilmente felici e difficili al tempo stesso: la loro vita. Quanto fa paura vedere il passato e immaginare il futuro? Le mie vacanze sono nate con loro e continuate nei viaggi in Colombia dove ho vissuto con mio padre e mia madre. Ho scritto “le vacanze” come se fosse la colonna di quei frammenti in pellicola. Il processo creativo dietro questa canzone si è sviluppato in maniera per me insolita: sono state le immagini a evocare musica e parole. Parole che per la prima volta sono nate in italiano. Oggi capisco ancora di più quanto la “mescla genetica” sia parte di noi e mi fa star bene comprendere finalmente perché un semplice aereo mi ricorda CASA.