Il Pan del Diavolo – I Peggiori: video ufficiale e testo

0

 

I Peggiori è il titolo del nuovo singolo de Il Pan Del Diavolo, duo folk siciliano formato da Pietro Alessandro Alosi e Gianluca Bartolo.

Questa canzone, è la seconda estratta dal terzo disco FolkRockaBoom, prodotto da Il Pan del Diavolo e Antonio Gramentieri e pubblicato il 4 giugno 2014 per La Tempesta Dischi.

Dopo la title track FolkRockaBoom (cliccate sul link sopra per ulteriori informazioni e per vedere il filmato del singolo omonimo), arriva il secondo pezzo della nuova era discografica del duo siciliano.

Il video ufficiale uscito nel loro canale Youtube il 29 ottobre scorso, è ispirato alle performance musicali delle trasmissioni televisive anni ’60, ed è suonato dal vivo. Non è infatti presente alcun playback ma si tratta di una vera esibizione.

Il filmato rigorosamente in bianco e nero, è stato diretto da Valerio Filardo, mentre la regia dell’audio è di Antonio Cooper Cupertino. Potete vederlo cliccando sull’immagine sottostante dopo la quale trovate le parole che compongono la settima traccia del nuovo album. La clip è visionabile anche ad inizio articolo.

Prima però ricordiamo le prossime date della tournee, che ripartirà il 1° novembre dal Sonar di Colle Val D’elsa, il 7 sarà la volta del Deposito Giordani di Pordenone, l’8 alla Latteria Molloy di Brescia, il 14 al Vidia di Cesena, il 28 alle Officine Corsare di Torino, il 29 al Covo di Bologna, il 5 dicembre al Circolone di Legnano (MI), il 6 dicembre Marghera (VE) La Tempesta al Rivolta IV, il 13 al Emporio Malkovich di Verona, il 25 dicembre a Palermo (location da stabilire), il 17 gennaio al Circolo degli artisti Roma, il 29 a Magnolia (Milano), il 30 all’Off di Modena ed il 6 febbraio al Drusco Circus di Bergamo.

I-Peggiori-videoclip-pan-del-diavolo

Testo I Peggiori – Il Pan Del Diavolo (Digital Download)
Dallo specchio retrovisore
leggo la tua bocca
e il moto delle tue labbra
Dai sempre alle parole
il giusto peso
qual’è il tuo segreto
tu puoi buttarmi giù
o farmi stare sospeso
Prima che vai, prima di uscire
io ti prego di ricominciare
tu mi odi ed è normale
così è l’amore
io ti seguo fuori tempo
non rimetto mai niente a posto
odio dirlo ma è normale
avevi ragione
Ti ho lasciata andare via al tuo lavoro
ora che l’abbandono
la gente che sorride
è una ferita, cosí come la mia vita
resta un whisky doppio tra le mie dita
Prima che vai, prima di uscire
io ti prego di ricominciare
tu mi odi ed è normale
così è l’amore
io ti seguo fuori tempo
non rimetto mai niente a posto
odio dirlo ma è normale
avevi ragione
forse piangerò per una donna
lo faccio sempre
sono steso in una bara
così è l’amore
uomini come me
che ce ne sono in giro
stanne alla larga siamo i peggiori
io ti seguo fuori tempo
non rimetto mai niente a posto
odio dirlo ma è normale
avevi ragione
forse piangerò per una donna
lo faccio sempre steso in una bara
così è l’amore
uomini come me
che ce ne sono in giro
stanne alla larga siamo i peggiori
stanne alla larga siamo i peggiori