Giorgio Moroder – Tom’s Diner feat. Britney Spears: audio del nuovo brano con testo e traduzione

0


Tom’s Diner è una nuova canzone del dj italiano Giorgio Moroder, cantata quasi interamente da Britney Spears ad eccezione di un verso interpretato dallo stesso Moroder. Il brano sarà incluso nel nuovo album Déjà Vu, in uscita a metà giugno.

Dopo aver parlato del singolo Right Here, Right Now feat. Kylie Minogue e Déjà Vu feat. Sia, il produttore discografico, compositore e disc jockey italiano ha rilasciato l’audio di questa traccia, l’ottava dell’atteso disco.

In realtà non si tratta di un pezzo inedito, bensì della cover dell’intramontabile Tom’s Diner di Suzanne Vega risalente al lontano 1987.

Link Sponsorizzati

Per l’occasione, il 74enne Moroder si affida alla voce della popstar americana Britney Spears, in questa personalizzatissima cover, che a mio parere ha tutte le carte in regola per fare bene nelle classifiche.

Il brano è una sorta di diario-racconto di una ragazza, seduta come ogni mattina ad un bar per fare colazione. La donna racconta quello che avviene in quei momenti…

La canzone si ferma a metà rispetto all’originale, ma noi abbiamo inserito la traduzione completa che potete leggere appena dopo l’immagine relativa alla cover, insieme al testo in inglese.

Cliccando sulla copertina potete ascoltarla mentre qui trovate una versione audio più lenta. Non so quale delle due sarà inclusa nel nuovo lavoro di Moroder.

toms-diner-giorgio-moroder-britney-spears

 

Tom’s Diner traduzione – Giorgio Moroder feat. Britney Spears (Digital Download)

Ogni mattina sono seduta
Al ristorante all’angolo
Sto aspettando al bancone
L’uomo che mi versi il caffè



E lui lo riempie solo a metà
E prima che io possa obiettare
Egli guarda fuori dalla finestra
A qualcuno in arrivo

tatataratatatara…

È sempre bello vederti
Dice l’uomo dietro il bancone
Alla donna che è appena entrata
Lei scuote il suo ombrello

E guardo altrove
Mentre si salutano baciandosi
E faccio finta di non vederli
E invece verso il latte


tatataratatatara…

[Giorgio Moroder:]
Tutti sono benvenuti
Vieni, vieni dentro
Siediti
I fumetti non finiscono mai
L’amore è la droga
Che ti fa venire voglia di bere
Fino al giorno dopo, oh

Apro il giornale
C’è la storia di un attore
Deceduto mentre stava bevendo
Era uno di cui non avevo mai sentito parlare

Così passo all’oroscopo
E guardo la pagina dei fumetti
Quando mi sento qualcuno che mi guarda
E così alzo la testa

In realtà la canzone finisce qui, ma abbiamo inserito anche la parte restante

C’è una donna che dall’esterno guarda dentro
mi vede?
No lei in realtà non mi vede
In quanto vede la sua immagine riflessa

E provo a non notare
Che sta tirandosi su la gonna
E mentre lei si sistema le calze
I suoi capelli si stanno bagnando

Oh, questa pioggia continuerà
Tutta la mattina e mentre ascolto
Le campane della cattedrale
Penso alla tua voce

Ed al picnic di mezzanotte
di tanto tempo fa
Prima che iniziò la pioggia…
E finisco il mio caffè,
Ed è ora di prendere il treno.

tatataratatatara

 

Testo Tom’s Diner

I am sitting in the morning
At the diner on the corner
I am waiting at the counter
For the man to pour the coffee

And he fills it only halfway
And before i even argue
He is looking out the window
At somebody coming in

tatataratatatara

It is always nice to see you
Says the man behind the counter
To the woman who has come in
She is shaking her umbrella

And I look the other way
As they are kissing their hellos
And I’m pretending not to see them
And Instead i pour the milk

tatataratatatara

[Giorgio Moroder:]
Everybody’s welcome
Come on, come on in
Sit yourself down
The funnies never end
Love is the drug
That makes you want to drink
Till the morning after, oh

I open up the paper
There’s a story of an actor
Who had died while he was drinking
He was no one i had heard of

And I’m turning to the horoscope
And looking for the funnies
When I’m feeling someone watching me
And so i raise my head

tatataratatatara

In realtà la canzone finisce qui, ma abbiamo inserito anche la parte restante

There’s a woman on the outside
Looking inside does she see me?
No she does not really see me
‘Cause she sees her own reflection

And I’m trying not to notice
That she’s hitching up her skirt
And while she’s straightening her stockings
Her hair is getting wet

Oh, this rain it will continue
Through the morning as I’m listening
To the bells of the cathedral
I am thinking of your voice

And of the midnight picnic
Once upon a time
Before the rain began

And I finish up my coffee
And it’s time to catch the train