Gigi D’Alessio – Mentre a vita se ne va: audio e testo della nuova canzone

4

Mentre a vita se ne va è l’ottava traccia di Noi Due, album del cantautore Gigi D’Alessio rilasciato il 18 ottobre 2019. Il testo e l’audio di questo significativo e toccante brano.

Questa canzone è pura meravigliosa poesia in grado di risvegliare molte coscienze, un pezzo che mette i brividi toccando profondamente il cuore, che dovrebbero ascoltare coloro i quali abbandonano le persone dalle quali hanno ricevuto amore.

copertina album noi 2

Gigi D’Alessio Mentre a vita se ne va testo

downloadDownload su: AmazoniTunes

E truove sempe a n’angolo assettate
Arravugliate dinte e nu vestite
Nu pare e scarpe mieze cunsumate
E ni rilorgio pe’ cunta’ ‘e minute
Vonno parla’ e se scordano ‘e parole
Sotto o cappiello fermano ‘e penziere
Ponne vula’
Nisciuno cchiu’ se vere da famiglia
Guardano o munno arete a na fenesta
Sule nu piatte ngoppe a na tuvaglie
Nu compleanno nun è cchiu’ na festa
Nu quarto ‘e latte cu nu poco ‘e pane
E sempe chella a cena tutte e sere
Ma po’ basta’

Scenneno nzieme a luce da matina
Cu nu surrise ca se leve a sera
Lasseno e suonne ngoppe a nu cuscino
Miscanno e gocce dinte a nu bicchiere
Passano ‘o tiempo dinte addo barbiere
Pecche’ pa casa nun ‘e vvo’ nisciuno
E mmane tremmano ma no e paura
Cu nu cafe’ se sporcan’ o cazone
Portene sempe mpietto na medaglia
Ie sorde e spicce dinte ‘o portafoglio
Cu chille e carte hanno crisciuto ‘e figlie
E’ mo so sule carte e caramelle
Tanta nepute dinte a nu ritratte
Ma e lloro cchiu’ nisciune se ne fotte
Chi l’abbandone senza ave’ pieta’
Dint a na casa addo’ se vere ‘a vita
Mentre se ne va

Teneno sempe pronto nu cunsiglio
Pe lloro simme tutte quante figli
O tiempo corre e chistu viento e spoglia
Lassanne e spine ma se porta e foglie
A vita e stregne comm a na cravatta
Perdenno l’ultima partita ‘e carte
Ponno vula’
Tutte dummeneca vanno dinte a chiesa
Cu na curona miez’e mmane chiuse
Sagliene ‘e scale pe’ ghi’ ‘mparaviso
E’ a dio chiagnenno vanno a cerca’ scuse
Cu ll’uocchie russe e ‘o core cchiu’ affannato
Nfaccia na ruga pare na resata
Ma songo ‘e sfreggio ca te lassa ‘a vita
T’avvisa primma e dicere è fernute

Comm’e’ criature aspettano natale
A fine mese aspettano a penzione
Tra veglie e suonne ngoppe a na panchina
Comme cumpagne sule nu bastone
Po lloro spisse arrivano a luntano
Cocche signora ca si piglie cure
Ca pe denare e sape accarezza’
Ma e vvote trovano chi è senza core
E nun tene pieta’
Che mmane hanno scavato ‘e strade nostre
Ma quanto n’anno fatto e n’anno viste
Ma o core lloro ormai nun è cchiu’ tuoste
Cchiu’ juorno passeno e cchiu’ stanno triste
Pe dinte all’uocchie teneno nu velo
Ca sta scennenno comm’a nu sipario
L’ultima scena nun ‘a vonno fa’
E vicchiarielle teneno paura
E se mpara’ a vula’


Ascolta su: