Ghost – L’era del litigio: testo e audio

0

L’era del litigio è il secondo singolo dei Ghost estratto dal terzo album in studio Guardare Lontano, rilasciato lo scorso 20 gennaio.

Dopo il precedente Movimento, il duo formato dai fratelli Alex ed Enrico Magistri hanno scelto la traccia d’apertura del disco che come detto, è stato inciso al fine di trasmettere un messaggio di speranza, in questa difficile era nella quale l’economia ha preso il sopravvento sulla dignità umana.

In rotazione radiofonica da venerdì 20 gennaio 2015, il brano L’era del litigio incita le persone a vivere attivamente salvaguardando le proprie idee ed i propri valori, e quindi a reagire a questo triste e difficile periodo, fatto di crisi totale (culturale, sociale ed economica).

Al giorno d’oggi, prevale il dubbio e la vanità, questa è l’era dei furbi e dei bastardi dentro, l’era del potere e dell’avidità, l’era dell’amante e del politico assente, la stirpe dell’ambiguità, queste sono alcune strofe che possiamo ascoltare in questa significativa canzone, che invita a reagire “è l’ora della vita, riprendila”, “spegniamo la televisione che spappola il cervello”.

Per l’audio integrale cliccate sull’immagine, mentre a seguire potete leggere le parole che compongono l’inedito.

Guardare-Lontano-cd-cover-ghost

Testo L’Era Del Litigio (Digital Download)

E’ l’era del litigio, tutte star
di una vita che non è più vita
fai vibrare la tua realtà
dai volume, la tua radio suona

E’ colpa dell’aria che respiriamo
di una stupida fragilità
è colpa del fumo che ci beviamo
di uno scoop in prima pagina
nell’era del dubbio e della vanità
non farti fottere l’anima
è l’ora della vita, riprendila
che non è male

E’ l’era del litigio, tutte star
di una vita che non è più vita
fai vibrare la tua realtà
dai volume, la tua radio suona

E’ colpa del buio che ci divora
del confine dell’estetica
del sangue sporco, tra due fazioni
dei mondiali e di Peter Pan
è l’era dei furbi e dei bastardi dentro
di incontri per caso fuori dal bar
ma è l’ora della vita, riprendila
non farti male, male

E’ l’era del litigio, tutte star
di una vita che non è più vita
fai vibrare la tua realtà
dai volume, la tua radio suona

E’ colpa del piatto, che è sempre vuoto
del potere e dell’avidità
di quella tele, che non spegniamo
del cervello che si spappola
è l’era dell’amante e del politico assente
la stirpe dell’ambiguità
ma è l’ora della vita, riprendila
che non è male

E’ l’era del litigio, tutte star
di una vita che non è più vita
fai vibrare la tua realtà
dai volume, la tua radio suona

E’ l’era del litigio, tutte star
di una vita che non è più vita
fai vibrare la tua realtà
dai volume, e la tua radio suona