Caparezza – Teste Di Modì: video e testo

1

teste-di-modi-lyric-video-caparezza

Teste Di Modì è il titolo del nuovo singolo di Caparezza, quarto estratto dall’album Museica, opera rilasciata il 22 aprile 2014, ispirata al mondo dell’arte: ogni singola traccia, prende infatti spunto da un’opera pittorica che diviene un pretesto per sviluppare un concetto

Dopo “Non me lo posso permettere“, “Cover” e “E’ tardi“, il rapper ha scelto questa canzone, che prende spunto dalla storia dei tre ragazzi livornesi che nel 1984 scolpirono un falso di Modigliani,

In data 24 luglio 2014, è uscito il lyric video di questo brano, trasmesso anche in televisione. La data scelta per il filmato diretto da Fernando Luceri e prodotto da Zero Project con la partecipazione di Pietro Luridiana, Michele Ghelarducci e Piefrancesco Ferrucci, non è casuale: il video è infatti uscito in occasione del trentennale della clamorosa burla che ha coinvolto il mondo dell’arte italiana.

Ecco le parole di Michele Salvemini alias Caparezza riguardo il lyric video, che potete vedere subito dopo.

Il 24 Luglio 2014 festeggerò il trentennale del ritrovamento della “Modì 2”, la falsa scultura di Modigliani ritrovata nel Fosso Reale di Livorno e scambiata per autentica da pubblico, esperti e critici d’arte. Delle 3 false teste ritrovate nel 1984, la “Modì 2” è stata l’unica scolpita per scherzo da un gruppo di amici, con leggerezza, senza obiettivi filosofico-artistici. Per questo ho scritto una canzone sull’avvenimento e per questo, il 24 Luglio, ne pubblicherò sul mio canale youtube (telecaparezza) il video ufficiale, all’interno del quale compaiono gli autori stessi della burla. Incontrarli e fare la loro conoscenza era un mio personale desiderio, covato da quando avevo 10 anni, età in cui li vidi in tv mentre ricreavano, davanti agli occhi basiti di tutta Italia, una scultura identica a quella ritrovata ed esposta nel museo. Quello scherzo sublime inceppò, seppur involontariamente, i meccanismi del mondo dell’arte. Per tanti fu subito stizza, per me fu subito amore

Guarda il lyric video

Testo Teste Di Modì – Caparezza
Da giorni dragano il fondale del fosso reale,
per omaggiare con un trofeo,
Italiani,
luglio agosto mi pare,
gli occhi addosso alle pale,
cercano sculture di Amedeo Modigliani,
i giorni passano interi,
zero bassorilievi,
poi vedi qualcosa viene su,
Alleluja!
Tre teste incise su tre pietre,
scatti dal treppiede,
la tribù, esulta!
Gli esperti dicono che si, quelle li, sono di, di Modì!
Esporle qui, nel museo, di Amedeo, oggidì!
Dillo al TG!
Visitatori a frotte, personalità dotte, specialisti a corte, raccontano già frottole!
Perché vedete quelle teste nelle teche sono tre ciofeche fatte da studenti con il Black and Decker!

Si, Io voglio essere così,
come i ragazzi delle teste di Modì,
ed ogni volta che ti metto in crisi,
con i miei sorrisi puoi chiamarmi testa di!
Si,io voglio essere così,
come i ragazzi delle teste di Modì,
prendermi gioco di ogni tua certezza,
ma con leggerezza,
come un colibrì!

Golden river Modigliani and please stend up,
questi fissano le teste ed hanno la Stendhal!
Ma che razza di sibille,
parlate troppo presto e siete senza pupille,
come i volti del maestro,
Pazzi!
Sostenete il contrario del vero
Quindi passi che le vostre carte
siano state battute da sassi.
Siete come il chiasso della folla indelicata
che a Parigi tratta la Gioconda come Lady Gaga.
“Monna Lisa!!! Mannaggia non si è girata!
Mmm… hai visto che pelle liscia e levigata?”
è un problema trito, fede e mito,
finché morte non ci separi tipo fede e dito.
Venerare teste rivoltate nel fango e nella torba
mentre Modigliani si sta rivoltando nellla tomba.
Ho dieci anni ma mi piace l’arte varia,
più dell’uomo l’uomo ragno blocca mostri gambe in aria,
tolgo il suo poster per i miei nuovi eroi,
che mandano all’aria mostri con i blocchi di arenaria!

Si, Io voglio essere così,
come i ragazzi delle teste di Modì,
ed ogni volta che ti metto in crisi,
con i miei sorrisi puoi chiamarmi testa di!
Si,io voglio essere così,
come i ragazzi delle teste di Modì,
prendermi gioco di ogni tua certezza,
ma con leggerezza,
come un colibrì! come un colibrì! come un colibrì! come un colibrì! come un colibrì! come un colibrì!