Roby Facchinetti “Ma che vita la mia” video ufficiale, testo

2

ma-che-vita-la-mia-videoclip

E’ uscito il video ufficiale di “Ma che vita la mia”, il nuovo singolo di Roby Facchinetti, secondo estratto dal nuovo album omonimo, il terzo nella carriera da solista, uscito ad oltre 20 anni di distanza dal precedente “Fai col cuore” (1993).

Ad una settimana dal rilascio (per Carosello Records), il disco entrò direttamente al primo posto della classifica relativa ai dischi più venduti in Italia, ma non poteva essere altrimenti vista la straordinarietà dell’evento, e che l’opera, contiene brani inediti frutto della collaborazione tra Facchinetti (musiche), ed il grande Valerio Negrini (testi), fondatore e storico paroliere dei Pooh, scomparso un anno fa.

Riguardo la title track, Facchinetti ha detto “Sono una persona fortunata, che può raccontare agli altri molta vita: e soprattutto molte cose belle, vissute sul palco e nel privato. È un brano solare, sincero, energico, come credo di essere io“. Vediamo il filmato e subito dopo potete leggere il testo completo della canzone.

Testo Ma che vita la mia – Roby Facchinetti

Ho davanti ancora vita, anzi spero di più
ma ne ho già da raccontarti
non è stata una vacanza e nemmeno galera
Nè rimpianti né rimorsi
ho anche avuto più cuori
e messo al mondo figli migliori di me
quanto di me c’è in loro
la vita lo dirà
Non ho fatto il missionario, ho fatto danni e magie
per bisogno e per amore
e alle donne ho regalato straordinarie bugie
con in tasca mille lire
dillo pure di me
che nel momento giusto al posto giusto ero lì
forse sì
E nei sogni e nei guai che sia quello che sia mai mi scordo un amico
poi c’è chi non lo è più e anche chi non c’è più
ma fa parte del gioco
ho il mio quarto d’ora di gloria
e frane di malinconia
ma che vita la mia
Ho cantato a voce piena
le mie normalità e miei castelli in aria
poi lontano dalla scena
ho incontrato città che ti fan mancare l’aria
però anch’io come te
ho ancora una valigia di sogni a metà
da riempire
Poi succede anche a me di non farcela più
o di farcela appena
siamo uguali io e te, stiam volando su e giù
sulla stessa altalena
fra il mio quarto d’ora di gloria
e tempi che scappano via
ho una vita la mia…

Ho il mio quarto d’ora di gloria
e frane di malinconia
ma che vita la mia
ho il mio quarto d’ora di gloria
e frane di malinconia
ma che vita la mia
ho il mio quarto d’ora di gloria
e tempi che scappano via…