Clementino – il nuovo singolo Partenope è una dedica d’amore a Napoli: il testo completo

0

Partenope è il nuovo bellissimo singolo del rapper Clementino, dedicato alla sua Napoli, alla quale ha con questa canzone riservato bellissime parole d’amore. Ilb rano è disponibile da lunedì 21 dicembre 2020 per RCA Records / Sony Music Italy.

Leggi il testo della canzone, scritta di suo pugno e prodotta da Daniele Franzese. Dallo stesso giorno della release, il singolo è anche on air e non è una data casuale, in quanto il 21 dicembre è il compleanno del rapper (auguri!) e della stessa Napoli, città che l’artista ama nel vero senso della parola e alla quale ha scritto questa coinvolgente canzone, in dialetto partenopeo naturalmente.

Clemente si è detto molto felice di essere finalmente riuscito, dopo tanti anni di gloriosa carriera, a scrivere e incidere una canzone per la sua Napoli: « ho girato tutto il mondo e il sole di Napoli non l’ho mai visto da nessuna parte. Dicono ‘vedi Napoli e poi muori’, è vero, perché è così bella che hanno ragione. In tutti i posti dove sono stato ho visto che c’era bisogno di un po’ di Napoli, perché Napoli non è una città, Napoli è un mondo e una mentalità.» ha condiviso l’artista classe 1982 sui social network.

copertina brano partenope

Testo Partenope di Clementino

Download su: Amazon – Ascolta su: Apple Music

Passa alla traduzione in italiano

[Intro]
Stasera t’aggi’a parlà (parlà)
Pecché m”o sento a ‘int
Lettera a ‘sta città (città)
Ca me pare dipint
Nu canto ‘e na sirena
Mmiezz’a tante sotto a stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera

[1a Strofa]
Stanotte m’affaccio ô balcone
Te guardo e sî ‘a meglia guagliona
Me diceno ca nun staje bono
Sì, t’hanno tuccato cchiù vote
Te sporcano pe’ n’ata vota
E penzano: “Chi se ne fo*te?”
E nuje ca simmo figlie tuoje
Currimmo bendate ‘int”o scuro
E ‘a storia ca parla pe’tté
Tu ca sî tale e quale a me
So’ nato ‘o stesso juorno tujo
‘A vita saje che è nu mistero
Perdona pe’ chello ca è
Ancora me chiedo ‘o pecché
Stanott’ me metto a penzà
Ca sî l’unica verità

[Rit.]
Stasera t’aggi’a parlà
Pecché m”o sento a ‘int
Lettera a ‘sta città
Ca me pare dipint
Nu canto ‘e na sirena
Mmiezz’a tante sotto a stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera

[Post-Rit. 1]
Uoh oh oh oh
Uoh oh oh
(Partenope stasera)
Uoh oh oh
Uoh oh oh
Nu canto ‘e na sirena (Nu canto ‘e na sirena)
Mmiezz’a tante sotto a stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera (‘E Partenope stasera)

[2a Strofa]
Damme chello ca m’hanno luvato
Guarda comme c’hanno cumbinate
Vide ca nun simmo maje cagnate
Mare e sole ca s’hanno ‘ncuntrate
‘Sti guagliune sempe scumbinate
Chi p”o male po’ s’è fulminato
Ma ne trove sempe ancora ll’ate
Gente ca s’è ‘nnammurata
Na sinfonia ca scorre dint”e vene
Varie quartiere fino abbascio ‘e Vele
Passanno da periferia c”a famme
E po’ cumbatto comme a nu guerriero
Chi vene ‘a Napule è D(i)NA
Te chiammo “fratemo” si tu staje ccà
Ma quale America, ‘e che vuó parlà?
Faccio na dedica pe’ ‘sta città

[Pre-Rit.]
Chi la conosce e po’ ne parla mal
Chi sta luntan, torna e se ne va
Chiagnenno pecché po’ l’ha dda lassà
E chi cumbatte ancora e resta ccà

[Rit.]
Stasera t’aggi’a parlà (Stasera t’aggi’a parlà)
Pecché m”o sento a ‘int
Lettera a ‘sta città
Ca me pare dipint
Nu canto ‘e na sirena (Nu canto ‘e na sirena)
Mmiezz’a tante sotto a stu cielo (Mmiezz’a tante sotto a stu cielo)
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera

[Post-Rit. 2]
Uoh oh oh oh
Uoh oh oh
(Partenope stasera)
Uoh oh oh
Uoh oh oh
Nu canto ‘e na sirena (Nu canto ‘e na sirena)
Mmiezz’a tante sotto a stu cielo (Mmiezz’a tante sotto a stu cielo)
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Napl stasera (Stasera)


Partenope: la traduzione in italiano della canzone di Clementino

[Intro]
Stasera devo parlarti
Perché lo sento dentro
Lettera a questa città
Che mi sembra dipinta
Un canto di una sirena [Nota: secondo la leggenda, Partenope era una delle sirene che con il canto tentò di sedurre Ulisse e, non riuscendoci, si gettò sugli scogli e perse la vita. Il suo corpo venne trascinato dalle correnti del mare fino alle coste dell’antica Parthènope (chiamata così in suo onore), in seguito Neapolis e adesso Napoli.]
In mezzo a tanti sotto a questo cielo
Ma nessuna è più bella
Di Partenope stasera

[1a Strofa]
Stanotte mi affaccio al balcone
Ti guardo e sei la più bella ragazza
Mi dicono che npon stai bene
Si, ti hanno toccata più volte
Ti sporcano un’altra volta
E pensano: “Chi se ne fo**e?”
E noi che siamo tuoi figli
Corriamo bendati al buio
E’ la storia che parla per te
Tu qua sei tale e quale a me
Sono nato il tuo stesso giorno
La vita sai che è un mistero
Perdona per quello che è
Ancxora mi chiedo il perché
Stanotte mi metto a pensare
Che sei l’unica verità

[Rit.]
Stasera devo parlarti
Perché lo sento dentro
Lettera a questa città
Che mi sembra dipinta
Un canto di una sirena
In mezzo a tanti sotto a questo cielo
Ma nessuna è più bella
Di Partenope stasera

[Post-Rit. 1]
Uoh oh oh oh
Partenope stasera
Uoh oh oh
Uoh oh oh
Un canto di una sirena (Un canto di una sirena)
In mezzo a tanti sotto a questo cielo
Ma nessuna è più bella
Di Partenope stasera (Di Partenope stasera)

[2a Strofa]
Dammi quello che mi hanno tolto
Guarda come ci hanno ridotti
Vedi che non siamo mai cambiati
Mare e sole che si sono incontrati
Questi ragazzi sempre [?]
Chi per il male poi si è fulminato
Ma ne trovi sempre ancora altri
Gente che si è innamorata
Una sinfonia che scorre nelle vene
Vari quartieri fino alle Vele [Nota: Le vele di Scampia sono un complesso residenziale costruito nell’omonimo quartiere di Napoli tra il 1962 e il 1975. Prendono il nome dalla loro forma triangolare, che ricorda quella di una vela: larga alla base, la costruzione va restringendosi man mano che si sale verso i piani superiori. Fonte: Wikipedia]
Passando dalla periferia con la fame
E poi combatto come un guerriero
Chi viene a Napoli è DNA
Ti chiamo “fratello” se tu sta qua
Ma quale America, di cosa vuoi parlare?
Faccio una dedica a questa città

[Pre-Rit.]
Chi la conosce e poi ne parla male
Chi sta lontano, torna e se ne va
Piangendo perché poi la deve lasciare
E chi combatte ancora e resta qua

[Rit.]
Stasera devo parlarti
Perché lo sento dentro
Lettera a questa città
Che mi sembra dipinta
Un canto di una sirena
In mezzo a tanti sotto a questo cielo
Ma nessuna è più bella
Di Partenope stasera

[Post-Rit. 2]
Uoh oh oh oh
Partenope stasera
Uoh oh oh
Uoh oh oh
Un canto di una sirena (Un canto di una sirena)
In mezzo a tanti sotto a questo cielo (In mezzo a tanti sotto a questo cielo)
Ma nessuna è più bella
Di Napoli stasera (Stasera)

Torna al testo