Luce, Marco Mengoni | testo, significato e audio del brano

0

Di seguito il testo il significato e l’audio del brano Luce di Marco Mengoni contenuto nel suo ultimo album Materia (Terra).

Luce, Marco Mengoni testo, significato e audio del brano
Marco Mengoni – Nuovecanzoni.com

Marco Mengoni è un cantante italiano diventato famoso dopo aver vinto la terza edizione del talent X Factor.

Nato a Ronciglione il 25 dicembre del 1988, è stato il primo artista italiano ad aver vinto il Best European Act agli MTV Europe Music Awards per due volte e primo cantante italiano ad essersi esibito al Billboard Film & TV Music Conference di Los Angeles.

Marco Mengoni: Luce

Il 3 dicembre 2021, il cantante ha pubblicato il suo sesto album Materia (Terra) prodotto dalla Sony Music.

Luce, Marco Mengoni testo, significato e audio del brano
Marco Mengoni – Nuovecanzoni.com

Le tracce e i rispettivi autori presenti nel disco sono:

  1. Cambia un uomo – 3:55 (Daniele Magro, Marco Mengoni)
  2. Una canzone triste – 3:34 (Daniele Magro)
  3. Il meno possibile (feat. Gazzelle) – 2:59 (Simone Cremonini, Flavio Pardini, Andrea Pugliese, Davide Simonetta, Alex Andrea Vella)
  4. In due minuti – 2:59 (Raffaele Esposito)
  5. Mi fiderò (feat. Madame) – 3:30 (Tony Maiello, Riccardo Scirè, Alex Andrea Vella)
  6. Ma stasera – 3:43 (testo: Marco Mengoni, Davide Petrella – musica: Francesco Catitti, Federica Abbate, Davide Petrella)
  7. Appunto 1. 23-01-2021 – 1:19
  8. Proibito – 3:08 (Michele Canova Iorfida, Davide Petrella)
  9. Appunto 2. 14-05-2021 – 0:44
  10. Luce – 4:04 (Lorenzo Vizzini)
  11. Un fiore contro il diluvio – 2:55 (Daniele Magro) 

    Tracce bonus nell’edizione CD

  1. Il meno possibile – 2:59 (Simone Cremonini, Flavio Pardini, Andrea Pugliese, Davide Simonetta, Alex Andrea Vella)
  2. Mi fiderò – 3:30 (Tony Maiello, Riccardo Scirè, Alex Andrea Vella)

Audio, testo e significato

Marco Mengoni, nel brano Luce, fa una dedica a sua madre, cantando a lei tutta la sua gratiduine che non è solo in questo brano ma nell’intero album riconoscendola come la grande luce che risplende nella sua anima.

Difendimi dai lunghi inverni
da tutti i dubbi che non ho
dal mondo che mi aspetta fuori
dalle mie incertezze
dai miei stessi errori che puntualmente rifarò

Difendimi dai miei pensieri
che tornano ogni volta qui
da quell’idea superficiale
che da un lato è bene e dall’altro lato è male
e in fondo non è mai così

E insegnami a fluire come le onde
che si infrangono continuamente
in fondo al dolce niente
e anche quando sembro in grado di scalare il mondo
e almeno tu difendi le mie insicurezze

Tu sei la mia luce
e splendi sempre dentro l’anima
anche questa notte, questa lunga notte senza fine
tutto cambia invece
tu illumini sopra ogni nuvola
che il sole esiste anche in fondo ad una lacrima
non può far male
non mi fa male

Difendimi da spettri ed ombre
le solite malinconie
dal solito cinismo stanco che di punto in bianco
rende anche i miei sogni
soltanto comode bugie
e quando mi rassegnerò
e ritornerà una notte madre di incertezze ed orfana di stelle
tu insegnami a brillare come sa brillare il sole
che ogni sera scende ma risorge sempre

Tu sei la mia luce
e splendi sempre dentro l’anima
anche questa notte, questa lunga notte senza fine
tutto cambia invece
tu illumini sopra ogni nuvola
che il sole esiste anche in fondo ad una lacrima
e non può far male
non mi fa male

Tu per sei luce
proteggi questo cuore fragile anche  in questa lunga notte
in questa lunga notte senza fine
e rendimi felice
illumina di sole l’anima quando nel buio scivola una lacrima
e non farmi male, non
non farmi male mai, non
non farmi male mai, non
non farmi male mai
male mai