Francesco Renga, Era una vita che ti stavo aspettando: testo e video ufficiale

0

Aggiornamento: è disponibile il filmato che accompagna il singolo di Francesco Renga, Era una vita che ti stavo aspettando. Il video ufficiale è ambientato a Verona ed in parte all’Hotel Due Torri della città scaligera. Per guardarlo direttamente dal canale Youtube del cantautore cliccate sull’immagine sottostante, mentre di seguito trovate più informazioni sul brano ed il testo che lo compone.

era-una-vita-che-ti-stavo-aspettando-video-renga

Scritto originariamente in data 22 aprile 2015

Era una vita che ti stavo aspettando è il secondo singolo di Francesco Renga estratto da Tempo Reale Extra, ultima fatica discografica rilasciata il 21 ottobre 2014. Si tratta dell’edizione speciale di Tempo Reale (Disco di Platino) pubblicato l’11 marzo 2014, dopo la partecipazione a Sanremo 2014 con Vivendo Adesso (singolo di platino) ed il brano doppio platino che ha dominato le classifiche Il mio giorno più bello nel mondo.

Questa bellissima canzone è inclusa in entrambi i dischi, sarà trasmessa dalle emittenti radiofoniche a partire da venerdì 24 aprile 2015 e fa seguito al precedente L’amore altrove feat. Alessandra Amoroso. Nell’ultimo album, è anche presente la versione acustica.

A mio parere, questo pezzo ha tutte le carte in regola di fare bene, come del resto i precedenti singoli di questo grandissimo artista, che il 2 giugno inizierà la tournee, che lo vedrà esibirsi in giro per l’Italia. Qui il calendario di tutti gli appuntamenti dal vivo.

Immagino che nei prossimi giorni, sarà possibile vedere il videoclip che accompagna l’inedito.

In attesa della clip, potete ascoltare l’Audio della versione normale, mentre cliccando sull’immagine in basso la versione acustica.

Di seguito trovate le parole che compongono la canzone.

Tempo-Reale-Extra-cd-cover-renga

 

Testo Era una vita che ti stavo aspettando – Francesco Renga (Digital DownloadVersione Acustica)

[Verso 1]
Se fossi tu
al posto mio
ad osservarti appena ti alzi e ti muovi
e con le mani ti accarezzi i capelli
se fossi tu
chissà se riusciresti
ad indossare per un’ora i miei occhi
e a fissarti fino a che non ti stanchi
ahhh
ma quanto pesa l’anima
pochi grandi soltanto
ma i più pesanti che un uomo ha

[Ritornello]
Guardo il cielo sopra la città che sta morendo
penso che forse non te l’ho mai detto
ma era una vita che ti stavo aspettando
perché non solo sei bellissima
ma la più bella del mondo
mentre ti guardo sognare io penso
era una vita che ti stavo aspettando
stringimi adesso

[Verso 2]
E se fossi tu
l’unico rimedio
per non cadere dentro i soliti errori
che ogni volta non riusciamo a evitare
ahh
ma quanto pesa quest’anima
pochi grandi soltanto
ma i più pesanti che un uomo ha

[Ritornello]
Guardo il cielo sopra la città che sta morendo
penso che forse non te l’ho mai detto
ma era una vita che ti stavo aspettando
perché non solo sei bellissima
ma la più bella del mondo
mentre ti guardo sognare io penso
era una vita che ti stavo aspettando

stringimi adesso, stringimi adesso, stringimi adesso

[Ritornello 2]
E guardo il cielo sopra la città per cercare il paradiso
e poi lo trovo di sopra il tuo viso
mentre ridi prendendomi in giro
e sei fantastica che quando sei incaz*ata col mondo
mentre ti guardo sognare io penso
era una vita che ti stavo aspettando
stringimi adesso, stringimi adesso, stringimi adesso, stringimi adesso