Francesco Da Vinci – Luntan a me (feat. Sal Da Vinci): audio e testo della canzone

1

copertina brano luntan a me

Sal Da Vinci e Francesco Da Vinci (padre e figlio) insieme nel singolo Luntan a me, rilasciato il 13 luglio 2020 nelle principali piattaforme streaming: il testo della canzone che, al momento in cui scrivo, non è ancora disponibile nei digital store.

Oltre a essere un ottimo cantante, Francesco Sorrentino (Da Vinci) è stato anche attore in Gomorra 4 nel ruolo di ‘Mma, camorrista della “banda dei talebani”, firmando anche due brani che fanno parte della colonna sonora della serie: Sul io e Nun passa maje.

Questo inedito duetto con il padre sulle note dell’interessante brano in oggetto, prodotto da Nathys, sta entusiasmando non poco i fan dei due artisti partenopei, che al fine di presentare in tv il singolo, si sono esibiti sul palco di Made in Sud lo scorso 13 luglio. Qui il video della loro performance. Qui l’audio.

Sal Da Vinci – Luntan a me testo

Autori: Francesco e Sal Da Vinci, Gennaro Della Volpe, Fabio Fallarino.

Si ringrazia Laura per le correzioni.

O saje ca te pigliat o core, te l’e arrubat a piett
e mo che stai cu n’at sultant pe dispiett
si comm a tutt l’at ormai nun me ne mport e nient
rind a vita se va annanz e nun s po turnà chiù arret

na cos poi è a lo’ dicer, na cos e poi a lo’ fa
te vec che nemici allor ca non può turnà
p me tu si lucifero statt luntan a me
ormai è accussì difficile ma nun vogl carè

Sol nun schiarà pecché nun vogl verè
fin a quand n’ata vota accuminciamm a respirà
zitt nun parlà, nun è o ver aggia alluccà
si sta vita è na prumess je a vuless mantenè

Sol nun schiarà pecché nun vogl verè
fin a quand n’ata vota accuminciamm a respirà
zitt nun parlà, nun è o ver aggia alluccà
si sta vita è na prumess je a vuless mantenè

O saje ca nun stong tranquill
si po nun t’arretir cu me
ormai stu pensier m’assill
e vot nun o dong a verè
t guard cu l’occhij che brilln
sti strad m parln e te
quann s’appicciaje sta scintill
capett l’ammore che re

e vot t vo fa suffrì
e vot t po fa vulà
non se po ij annanz accussì
sta storia a vuless cagnà
pecché tu m fai ascì a ‘mpazzì
ma arret nun s po turnà
si ancor tutt a vit mij
però te vuless scurdà

Sol nun schiarà pecché nun vogl verè
fin a quand n’ata vota accuminciamm a respirà
zitt nun parlà, nun è o ver aggia alluccà
si sta vita è na prumess je a vuless mantenè

Sol nun schiarà pecché nun vogl verè
fin a quand n’ata vota accuminciamm a respirà
zitt nun parlà, nun è o ver aggia alluccà
si sta vita è na prumess je a vuless mantenè

M’ agg scansat nu bell fuoss
vac luntan mo senza e te
riman te faje venì na mossa
ce vo na regin vicin o re
tu invec me fatt sultant mal
nun faciv at e te fa verè
stiv tutt e ser rind a nu local
poi agg capit ca nun si p me

Sol nun schiarà pecché nun vogl verè
fin a quand n’ata vota accuminciamm a respirà
zitt nun parlà, nun è o ver aggia alluccà
si sta vita è na prumess je a vuless mantenè

Sol nun schiarà pecché nun vogl verè
fin a quand n’ata vota accuminciamm a respirà
zitt nun parlà, nun è o ver aggia alluccà
si sta vita è na prumess je a vuless mantenè

Sol nun schiarà pecché nun vogl verè
fin a quand n’ata vota accuminciamm a respirà
zitt nun parlà, nun è o ver aggia alluccà
si sta vita è na prumess je a vuless mantenè


Ascolta su: