Luche – Nisciun: testo e video

0

Il rapper Luche ha rilasciato il video del nuovo singolo in dialetto partenopeo intitolato Nisciun, un pezzo inedito prodotto da Geeno, mentre D-Ross ha curato la masterizzazione ed il mixaggio.

La canzone che segna un chiaro ritorno al dialetto napoletano dell’ex Co’Sang, arriva a pochi mesi  di distanza dall’album L2, e non è chiaro se sarà inclusa in un nuovo progetto discografico.

In attesa di saperne di più, potete vedere il filmato diretto da Johnny Dama per Burried Alive Production in collaborazione con Black Friday, cliccando sull’immagine sottostante, dopo la quale trovate le parole che compongono questo pezzo.

nisciun-luche-videoclip

Testo Nisciun – Luche (Digital Download)

‘Na memoria ‘e merda ma sì perdono nun scordo.
Nun parlo comm’ ‘e cane ma capisco tutte cose.
‘Na cosa e sord’ ‘a teng’, saccio chello che voglio… Saccio chello che voglio!
N’tengo paura ‘e nisciune!
N’tengo paura ‘e nisciune!
N’tengo paura ‘e nisciune!
N’tengo paura ‘e nisciune… ‘E nisciune!
Tengo ‘na memoria ‘e merda ma sì perdono nun scorde!
N’tengo paura ‘e nisciune… ‘E nisciune!

Strofa 1:
M’hanno dipinto n’esempio sbagliato e so’ juto a ce mettere ‘na firma asott’.
‘Nu frat ha ritto ce vò ‘o bicarbonato
nun te digeriscene, sì tropp’ forte!
So’ sempe ‘o primmo c’o lurdeme tipo
nun juoco mai p’o sicondo posto.
Frà ‘na canzona toje ca’ m’emoziona
è impossibile a truvà comm’ ‘a nu testimonie.
‘Sti serpiente vasene c’a lengua
songo armato fine ‘e riente
chine ‘e prete ‘nguollo ma n’so mai caruto n’terra.
Vengo aro nun l’hanno fatt’ a mestiere
sì ‘o funerale ce sta ancora ‘a bara aperta.
Addo a Capodanno pare Baghdad
facimm’ ‘o segno da’ pace sule sì fumamm’.
Te rongo ‘a fiducia ma te guardo rint’ ‘a l’uocchie sì brindamme.
Tropp’ aveto, teng ‘na nuvola pe’ divano
e sì ascimmo se blocca ‘o traffico
ognuno c’a machina soja e sì ce fermene ‘e guardie
turnammo arete e ‘e ‘ccerchiammo e po stracciammo ‘o verbale.
‘Nd’o locale spienn’ ‘o capitale
simme lurdeme ‘a ascì fore: Mafia Capitale!
Abbasce addò me ‘a gente tene famme
e te scipp’ ‘a catena alimentare.
Te straccio ngopp’ a tracc’ comm’ ‘o gratta e vinci
arrogante pecché a gente n’sarricorde chi sì.
‘O navigatore a ritto ” ‘a felicità sta arete ‘o vico ”
e io aggia fatt’ ‘o giro allungo accussì ‘a pijo p’e capille.
Tengo ‘o flow ca è tossico
frà quando more m’hanno seppellì ‘nda terra re’ fuoche
Frà famme fore accussì nun te vengo ‘nsuonno
e sì vuò ‘na tarantella, frà, vulimm’ ‘a stessa cosa.

‘Na memoria ‘e merda ma sì perdono nun scordo.
Nun parlo comm’ ‘e cane ma capisco tutte cose.
‘Na cosa e sord’ ‘a teng’, saccio chello che voglio… Saccio chello che voglio!
N’tengo paura ‘e nisciune!
N’tengo paura ‘e nisciune!
N’tengo paura ‘e nisciune!
N’tengo paura ‘e nisciune… ‘E nisciune!
Tengo ‘na memoria ‘e merda ma sì perdono nun scorde!
N’tengo paura ‘e nisciune… ‘E nisciune!

Strofa 2:
Ce stanno ‘e vacanze ‘e ‘na vita sana.
Ce stann’ ‘e vacanze ‘e 5-6 ann’.
N’miezz a via so’ tutt’ Artisti
fann’ ‘e spie, hanno cantato.
Frà stong ‘nd’ò juoco a 10 anne
voglio verè chi ce sta tra 10 ann’.
Senza ‘e me ‘stu Rap Italiano è tale e quale ‘o cinepanettone a Natale!
Essa è accussì ‘nfosa ca’ s’addorm ‘o muss’ sì ‘a vase.
Me ‘nfongo ‘e dete e ‘a tocc’ comm sì cagnasse pagina.
Sì parlamme ‘e Napule, tutt’ stì puttane adiventene Selvagg
Mo ca’ cumanno nun me sporco cchiù ‘e mane
tu afforza vuò ‘na tarantella frà sì bello ma n’abball’.
Me fai schifo comm’ fa schifo ‘o Maiale ‘e Mussulmane frà, jesc ALLAH !
Invictus Paco Rabanne
me pave rappann’
sto ‘e case nd’a Banca
tu ‘ngopp’ ‘a ‘na panca
stai ancora apparann’
nun affierre ? Scrive in codice a barre
te serve ‘o scanne
sì ‘o ‘cciro ‘o scanno
stamm’ aspettann’ a quase a n’an a Chicco ca torn’ ‘a casa.
Tengo cchiù barre ‘e Poggioreale
‘o faccio p’a causa frà!
Ce truov’ fore ‘a porta comm’ ‘e testimonie ‘e Geova
te lassammo chine ‘e buche comm’ ‘e scarpe da’ Geox!
a telefono, ‘o passaggio ‘e mano se chiamm ricarica
‘o caricatore se chiamme iPhone, è semp’ scarico.
Sciacquate ‘a vocca, ‘o nomme mije sape ‘e veleno.
So’ nu tipo trasparente
sì me vuò ra tuorte t’e arrampicà sule ‘ngopp’ ‘e specchie.
Tengo paura ‘e ‘na persona sola
frà e se chiamme Luca Imprudente.

‘Na memoria ‘e merda ma sì perdono nun scordo.
Nun parlo comm’ ‘e cane ma capisco tutte cose.
‘Na cosa e sord’ ‘a teng’, saccio chello che voglio… Saccio chello che voglio!
N’tengo paura ‘e nisciune!
N’tengo paura ‘e nisciune!
N’tengo paura ‘e nisciune!
N’tengo paura ‘e nisciune… ‘E nisciune!
Tengo ‘na memoria ‘e merda ma sì perdono nun scorde!
N’tengo paura ‘e nisciune… ‘E nisciune!

Fratmo Geeno, l’hammo fatto n’ata vota
Nun tenimm’ paura ‘e nisciune!
Roccia Music, Poesia Cruda frà!