Fred De Palma, Muovi Il Mondo: video ufficiale e testo ft. Marracash

0

muovi-il-mondo-videoclip-de-palma

Muovi Il Mondo è il titolo del nuovo singolo del rapper Fred De Palma con la collaborazione del collega Marracash. Questa canzone è estratta dal nuovo nonché il primo disco da solista del giovane rapper torinese, Lettera al Successo, rilasciato in digital download negli store digitali come iTunes ed Amazon il 28 giugno 2014.

Il terzo estratto dal nuovo lavoro, fa seguito ai precedenti “Non Ero Io” ed il criticatissimo “Rodeo” (con varie pornostar, tra tutti Rocco Siffredi), e vede la prestigiosa collaborazione del Re del Rap membro della stessa crew: la Roccia Music, l’etichetta indipendente fondata proprio da Marracash e dal dj-producer Shablo.

Stando a quanto affermato da Del Palma, si tratta del brano contenuto nel citato disco di cui va più fiero, che segna anche la realizzazione di un sogno, quello di duettare con Marracash “Muovi il Mondo rappresenta un traguardo molto importante per me, perché non è passato molto tempo da quando scrivevo a casa da solo e sognavo di collaborare con Marracash esattamente come tutti voi,e se vi dico quanto ho lavorato, sofferto e sacrificato per arrivare fino a qui, probabilmente mi dareste del pazzo. Domani vedrete/ascolterete 5 anni di sogni rinchiusi in 4 minuti di canzone” ha scritto su Facebook il rapper.

Il nuovo singolo è accompagnato da un videoclip diretto da Gianluca Catania e prodotto da Zef. Vediamo questo nuovo filmato e subito dopo potete leggere le parole che compongono questa nuova canzone.

Guarda il videoclip

Testo Muovi il Mondo – Fred De Palma feat. Marracash.
Il mondo è un grande ristorante
dove fanno vedere le pietanze raffinate
ma servono soltanto pietanze masticate pattume servite sopra il nostro piattume
Ci hanno insegnato a odiare tutti gli uomini
a vivere dentro dei codici
la police non è la mia policy
ma sembra sempre tutto ok dentro 50 pollici
E io e te dove siamo finiti
ad amarci da nudi ad odiarci vestiti
ascolto voci di corridoio perché anche i muri adesso parlano di noi
Ho svuotato i miei pensieri
io onestamente non ricordo davvero se prima c’eri
Un re ed una regina imprigionati dentro loro stessi
Rebibbia Regina Coeli
Sto sul filo di una sciabola
dire che sta vita qua è una favola è una favola
viviamo in una scatola moriamo in una scatola siamo cibo in scatola per il pranzo di Satana
Siamo mele marce
è proprio vero che qua tutto tace
non è la guerra è il denaro che piace quindi scambiamoci un assegno di pace
La gente vuole quello che non ha
Essere ciò che non è
Cerchiamo la felicità dentro una bottiglia in un privè
Ho il cuore spaccato a metà
e una parte ce l’hai ancora te
il mondo gira al contrario perchè non ce ne accorgiamo
di come gira il mondo
apriamo le braccia e aspettiamo
che ci venga incontro
Il mondo non si muove se non ti muovi tu
Stacco un po’ di ghiaccio dal tuo cuore e mettimelo nel cocktail
questo show va in onda ogni notte
Stressata se c’hai un lavoro stressata se non ce l’hai
gridare Lasciami solo e morire quando poi vai
poche differenze tra sempre e mai la paura abbatte l’amore sai
perchè si può avere paura di amare di paragonare quello che prendi e quello dai
Tienimi stretto maledetto dagli dei
combatto per il mio distretto Hunger Games
Insieme dentro la tempesta io con lei
là fuori in furia la protesta, i cortei
Attirare la folla trovare parole per ridare la forza
tirare la corda cuore che si spezza vuoi tirare la colla
A gara chi comanda il mercato
puoi capire che alla fine chi comanda è il mercato
prendevo i vestiti al mercato senti Dio ora anch’io tutto quanto marcato
divorzio col mondo non gli passo niente
le mangio l’orgoglio da sobbasso ventre
come se stesse in fondo al pozzo la sorgente
un attimo prima che sia luce più buio sempre
La gente vuole quello che non ha
Essere ciò che non è
Cerchiamo la felicità dentro una bottiglia in un privè
Ho il cuore spaccato a metà
e una parte ce l hai ancora te
il mondo gira al contrario perchè non ce ne accorgiamo
di come gira il mondo
apriamo le braccia e aspettiamo
che ci venga incontro
Il mondo non si muove se non ti muovi tu